Italia Markets closed

Vademecum su come impugnare una multa (con facsimile)

Multa (Fotolia)

Ricevuta una multa, sono in molti a desiderarne la cancellazione. E se i motivi sono legittimi, nulla vieta di chiederne l'annullamento attraverso un ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace. Ma occhio alle tempistiche e alle motivazioni per cui richiedere che la sanzione resti inapplicata.

Tra i motivi plausibili, il ritardo nella notifica della sanzione, nel caso in cui arrivi oltre i 90 giorni previsti per legge. Poi i vizi di forma, ovvero gli errori formali che rendono un verbale “attaccabile”, come ad esempio la mancata indicazione del titolare, responsabile ed incaricato del trattamento dei dati personali o l'errore sulla norma violata o sulla sanzione da pagare.

Il termine di 60 giorni vale sia per la contestazione immediata, in caso di contestazione sul momento, che per quella differita (es: accertamento di sosta vietata in assenza del conducente). Se il verbale è stato consegnato su strada, i termini decorrono dal giorno successivo alla data dell'infrazione; se il verbale è stato spedito per posta, dal giorno successivo alla data in cui il verbale si considera notificato.

Il ricorso quindi è il passo da compiere, e può essere rivolto al Prefetto o al Giudice di Pace: se si fa ricorso ad uno non si può farlo anche all'altro; se si è già pagato, non si può più fare ricorso. Nel primo caso, il ricorso si effettua entro 60 giorni dalla notifica della sanzione. Il ricorso al Prefetto va presentato per iscritto;  oltre a presentare le motivazioni per iscritto, si può chiedere di essere sentiti personalmente.

La trasmissione può essere fatta direttamente al Prefetto, all'Ufficio depenalizzazione, o all'organo accertatore, quindi, in tal caso il ricorso può essere consegnato a mano in qualsiasi ufficio della Polizia Stradale o con una raccomandata con ricevuta di ritorno all'Ufficio da cui dipende chi ha fatto il verbale che lo trasmette poi al Prefetto competente per il territorio.

La domanda del ricorso, che deve essere presentata in carta semplice a mezzo raccomandata A/R o di persona, ricorso deve contenere almeno le seguenti indicazioni: autorità alla quale si presenta; dati di chi fa ricorso completi di residenza o di domiciliazione; riassunto dell'accaduto con indicazione della data, del luogo, del numero del verbale e degli articoli del codice della strada che s'intende contestare; motivazioni per le quali si vuole contestare il verbale; richiesta di annullamento; eventuali atti allegati che supportino le proprie motivazioni (certificati, ecc.); data della richiesta; firma del ricorrente; domicilio legale (solo per il ricorso al giudice di pace).

Tutti i materiali utili, a sostegno della richiesta, vanno allegati, compresi la copia del verbale. Nulla vieta che si possa anche essere ascoltati per chiarire i fatti contestati. Se il Prefetto accoglie il ricorso, la contravvenzione viene annullata. Di fatto, se per 120 giorni il Prefetto non risponde, tacitamente allora il ricorso è accolto. Diversamente, può emettere un'ordinanza di pagamento con un importo maggiore rispetto a quello di partenza, nell'arco di 120 giorni. Nell'aumento della sanzione pecuniaria rientrano anche i costi di procedimento: meglio capire allora che margini ci sono affinché il ricorso sia accolto.

Si può anche ricorrere al Giudice di Pace, entro 30 giorni dalla notifica, nelle stesse forme di quella che si presenta al Prefetto. Quindi, a mano, per posta. Ma attenzione, perché il luogo in cui è avvenuta l'infrazione è anche quello  dell’ufficio competente territorialmente per valutare o meno l'accoglimento della vostra domanda. Dal 1° gennaio 2010, il ricorso al Giudice di Pace non è più gratuito ma occorre pagare un contributo unificato che varia in proporzione al valore della multa.

Non è necessaria però la presenza di un avvocato, nemmeno nel caso del ricorso al Prefetto. Se il Giudice di Pace rigetta il ricorso, non vi resta che il Tribunale ma in tal caso dovrete scegliere, e pagare, un avvocato. Al cittadino cosa conviene scegliere? Se opta per gratuità, celerità e sa che l'illegittimità della contravvenzione è di facile dimostrazione, meglio ricorrere al Prefetto. Se desidera un giudizio da un organo terzo e imparziale, e sa che la questione è di difficile soluzione, meglio ricorrere al giudice di Pace.

Che modello adottare quindi per il ricorso?Ecco due esempi, il primo rivolto al prefetto e il secondo al giudice di pace.


















AL SIGNOR PREFETTO di… (luogo dell’accertamento)

Per il tramite della SEZIONE POLIZIA STRADALE di… (indicata sul verbale)


Oggetto: Ricorso ai sensi dell’articolo 203 del Codice della Strada avverso il verbale di contestazione n. …………….. per la violazione dell’art……….. del Codice della Strada redatto in data ……… da dipendenti della Polizia Stradale di …...

Il sottoscritto, .........., nato a ………. il ………., residente ed elettivamente domiciliato ai fini delle notifiche e di ogni altra comunicazione riguardante il presente atto, …………, proprietario/conducente (indicare solo una qualifica sulla base della quale si ha diritto di ricorrere) del veicolo targato…… premesso che in data…. (giorno della violazione), i predetti agenti accertatori accertavano che il veicolo sopraindicato…. lungo la strada ……. in località ……. alle ore, avrebbe violato la norma dell’art……. del Codice della Strada per aver …. (se il verbale è stato consegnato dalla pattuglia su strada) che, nella circostanza, i predetti agenti di Polizia provvedevano a redigere il verbale di contestazione di cui all’oggetto, (se sono state applicate sanzioni accessorie…es provvedendo al contestuale ritiro della patente di guida); (se il verbale è stato notificato tramite Ufficio Postale) che, nella circostanza, i predetti agenti di Polizia non provvedevano a fermare il veicolo e a redigere il verbale di contestazione di cui all’oggetto. chiede l'archiviazione del verbale di contestazione sopraindicato perché…(indicare i motivi sulla base dei quali si ritiene viziato il verbale)………….
Precisa che… (spiegare meglio i fatti o i motivi per i quali si richiede l’archiviazione del verbale)

Luogo e data di redazione del ricorso,

In fede ___________________________




AL GIUDICE DI PACE di… (luogo dell’accertamento)

per conoscenza SEZIONE POLIZIA STRADALE di…..(indicata sul verbale)


Oggetto: Ricorso ai sensi dell’articolo 204 bis del Codice della Strada avverso il verbale di contestazione n. …………….. per la violazione dell’art……….. del Codice della Strada redatto in data ……… da dipendenti della Polizia Stradale di …...

Il sottoscritto, .........., nato a ………. il ………., residente in .... via...... n....., proprietario/conducente (indicare solo una qualifica sulla base della quale si ha diritto di ricorrere) del veicolo targato…… elettivamente domiciliato ai fini delle notifiche e di ogni altra comunicazione riguardante il presente atto in.... (indicare luogo situato nel comune in cui si trova il giudice di pace) premesso che in data…. (giorno della violazione), i predetti agenti accertatori accertavano che il veicolo sopraindicato…. lungo la strada ……. in località …….. avrebbe violato la norma dell’art……. del Codice della Strada per aver …. (se il verbale è stato consegnato su strada) che, nella circostanza, i predetti agenti di Polizia provvedevano a redigere il verbale di contestazione di cui all’oggetto, (se sono state applicate sanzioni accessorie…es provvedendo al contestuale ritiro della patente di guida); (se il verbale è stato trasmesso per posta) che, nella circostanza, i predetti agenti di Polizia non provvedevano a fermare il veicolo e a redigere il verbale di contestazione di cui all’oggetto. chiede l'archiviazione del verbale di contestazione sopraindicato perché…(indicare i motivi sulla base dei quali si ritiene viziato il verbale)………….

Precisa che… (spiegare meglio i fatti o i motivi per i quali si richiede l’archiviazione del verbale) (se sono state applicate sanzioni accessorie) chiede inoltre, per le ragioni sopraesposte, ritenendo sussistere gravi e fondati motivi per disporre l’applicazione delle misure previste dall’articolo 22 comma 7 della L.689/81, la sospensione dell'applicazione delle sanzioni accessorie e quindi...(es l’immediata restituzione della patente di guida ritirata al momento del contesto e l’eliminazione conseguente dell’efficacia di ogni effetto della sospensione della patente stessa, oppure la restituzione del veicolo fermato, ecc.)





Luogo e data di redazione del ricorso,

In fede ___________________________