Italia markets close in 6 hours 16 minutes
  • FTSE MIB

    25.465,13
    +42,91 (+0,17%)
     
  • Dow Jones

    34.196,82
    +322,58 (+0,95%)
     
  • Nasdaq

    14.369,71
    +97,98 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    29.066,18
    +190,95 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    73,15
    -0,15 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    28.771,73
    +695,48 (+2,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    822,99
    +36,37 (+4,62%)
     
  • Oro

    1.782,70
    +6,00 (+0,34%)
     
  • EUR/USD

    1,1947
    +0,0013 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    4.266,49
    +24,65 (+0,58%)
     
  • HANG SENG

    29.288,22
    +405,76 (+1,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.114,94
    -7,49 (-0,18%)
     
  • EUR/GBP

    0,8586
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0946
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,4691
    -0,0002 (-0,01%)
     

Come lavare (bene) le T-shirt bianche e mantenerle sempre brillanti?

·4 minuto per la lettura

Magliette bianche...che passione! William Cotton inventa la T-shirt nel 1864 in Inghilterra: alternativa alla camicia per le masse pensata per il tempo libero, si struttura come una maglina a maniche corte con scollo tondo e forma a "T" – da qui, il suo nome di "T-shirt". Nel 1913 la T-shirt viene adottata dai marinai Americani, che cercavano un indumento più leggero per rimpiazzare i loro pesanti maglioni: è cosi che la T-shirt diventa di cotone – tessuto leggero sulla pelle, traspirante e facile da lavare. La T-shirt diventerà iconica qualche decennio dopo, negli anni '50, quando divi intramontabili quali Marlon Brando e James Dean la indossarono per impersonare i "cattivi ragazzi". Dai "bad boy" del dopoguerra ai nostri armadi il passo è stato breve: ci sono pochi indumenti che sono altrettanto amati da tutti (ma proprio tutti) come le T-shirt bianche! Sono i capi più versatili dell'armadio; perfette per l'estate sopra un pantalone di lino o una gonna, si adattano bene anche con un blazer primaverile o con i jeans – immancabile divisa per tutto l'anno! Ma cosa fare quando il bianco fresco delle nostre magliette preferite si spegne? Vediamo insieme qualche trucco per lavare le T-shirt bianche e mantenerle sempre brillanti!

Lavare le T-shirt in lavatrice: la guida

Se le tue T-shirt bianche sembrano aver perso di brillantezza, bisogna adottare qualche piccola regola per il loro lavaggio in lavatrice:

  1. Controlliamo il carico della lavatrice: secondo Brian Johnson del Drycleaning & Laundry Institute, più vestiti carichiamo nella lavatrice, maggiore è il rischio di un rilascio considerevole di sporcizia e batteri

  2. Mettiamo le magliette al rovescio: l'abrasione del processo di lavaggio rovina le fibre trattate del tessuto (come le parti stampate o ricamate)

  3. Assicuriamoci di non caricare indumenti colorati insieme alle nostre T-shirt bianche: la regola d'oro da rispettare sempre è che in lavatrice i bianchi devono stare con i bianchi!

  4. Stiamo mettendo abbastanza detergente? Non dobbiamo certamente esagerare, ma usare una quantità insufficiente di detergente rischia di far sì che lo sporco si ridepositi sui nostri capi

  5. Se vogliamo un bianco splendente, optiamo per l'uso di un detergente con una punta di sbiancante

  6. Programmiamo la lavatrice su un lavaggio a caldo: l'acqua calda toglie sporco e colore in modo più efficace e veloce dell'acqua tiepida

E per l'asciugatura? Al contrario degli indumenti più delicati come i jeans o le gonne, la T-shirt in cotone può tranquillamente andare in asciugatrice – meglio se con un programma non troppo aggressivo. Però è l'asciugatura all'aria la soluzione che ci sentiamo di consigliare di più: il nostro consiglio top è quello di appendere, subito dopo la lavatrice, la vostra maglietta preferita su una gruccia. Nella maggior parte dei casi questo metodo fatto di umidità e forza di gravità vi eviterà addirittura di ricorrere al ferro da stiro!

Photo credit: Courtesy of Unsplash - Kelly Sikkema
Photo credit: Courtesy of Unsplash - Kelly Sikkema

Come trattare le macchie sulle T-shirt bianche

Secondo il famoso rimedio della nonna, la candeggina è perfetta per riportare il bianco candore delle magliette: sicuramente efficace su magliette di cotone al 100%, questo metodo è in realtà pericoloso se usato su fibre sintetiche quali il nylon. Usando la candeggina sul nylon si rischia addirittura di trovarsi le magliette con degli spiacevoli aloni giallastri – quelle horreur! Ma cosa fare allora quando bisogna smacchiare le T-shirt bianche? Il tipo di macchia più comune è l'alone giallo sotto l'ascella, generalmente causato dall'alluminio presente nella maggior parte di deodoranti. Poiché è difficile da rimuovere una volta formatosi, dovremmo pensare ad agire d'anticipo, lavando le T-shirt il prima possibile: non usiamole più di una volta, ma laviamole subito dopo l'uso! In generale, quando ci troviamo davanti a una macchia su una T-shirt, dovremmo prendere l'abitudine di lavarla a mano prima del lavaggio in lavatrice, ricordandoci di insistere, con un detergente naturale, sulle parti delicate (il collo e le ascelle). In questo modo si può evitare il rischio delle macchie da candeggina e garantire una vita più lunga alle nostre T-shirt preferite! Per le macchie più difficili, come quelle di cibo o bevande, non ci sono molte alternative: agiamo prontamente con uno smacchiatore per cotone sulla parte incriminata e poi... via in lavatrice!

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli