Italia Markets close in 1 hr 38 mins

Come ogni anno, ecco puntuale la sequenza negativa

Gaetano Evangelista
·2 minuti per la lettura

Lo S&P500 ha perso terreno per quattro settimane consecutive, disegnando nel frattempo un inquietante bearish engulfing su scala mensile; sventato con il rally di venerdì. A Piazza Affari nel frattempo il sentiment ribassista raggiunge lo zenit.

Nonostante il brillante recupero di venerdì, Wall Street chiude in territorio negativo per la quarta settimana consecutiva. Una circostanza inusuale, avvenuta 29 volte negli ultimi trent’anni (una volta all’anno, in media); ma a settembre una sequenza simile è stata sperimentata soltanto altre cinque volte dal Dopoguerra ad oggi: 1953, 1960, 1985, 2000 e 2002. In quattro casi su cinque il setup sarebbe stato salutato da diversi mesi di rialzi.

C’è perplessità per la qualità della ripresa economica. I CESI permangono in territorio positivo ma convergono verso il basso, trascinando i tassi di crescita degli indici azionari. Dopo Goldman Sachs, anche JP Morgan ha rivisto verso il basso le stime per il PIL del Q4: al 2.5%, dal precedente +3.5%. La fiammata del quarto corrente è acquisita, ma il rallentamento prospettico della crescita induce gli investitori a maggiore cautela.

Dal picco di inizio mese, la flessione dello S&P500 sfiora la definizione formale di correzione: -9.6%. Un calo a doppia cifra, da un massimo annuale, sullo S&P dal 1950 è stato registrato altre dieci volte ed risulta interessante rilevare il comportamento tipicamente manifestato nei tre mesi successivi. Gli investitori prenderanno doverosamente nota.

La natura - correttiva ovvero impulsiva – della recente flessione, è testimoniata dall’ampiezza globale di mercato: con la nostra Advance-Decline line del G10 che sta trovando ora il sostegno della media mobile di lungo periodo. Esemplari le precedenti sollecitazioni di agosto 2019 e marzo 2020.

A Piazza Affari il sentiment finalmente depresso è testimoniato finalmente da una lettura a tripla cifra da parte del nostro Panic Index. D’altro canto, venerdì per la prima volta si registra una formale capitolazione. Ne parliamo dettagliatamente nel Rapporto Giornaliero di oggi.

Autore: Gaetano Evangelista Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online