Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.252,67
    -490,15 (-1,41%)
     
  • Nasdaq

    13.401,01
    -0,85 (-0,01%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0032 (+0,27%)
     
  • BTC-EUR

    46.338,05
    -1.210,04 (-2,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.505,72
    +1.263,04 (+520,46%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • S&P 500

    4.152,47
    -35,96 (-0,86%)
     

Come potrebbero cambiare i colori dei territori dal 19 aprile

·1 minuto per la lettura
monitoraggio iss colori regioni
monitoraggio iss colori regioni

Mentre si attende il consueto monitoraggio settimanale dell’ISS, la cabina di regia ha reso noto che l’indice di contagio nazionale è nuovamente sceso a 0.85. Continua dunque il trend in discesa, considerato che nelle ultime quattro settimane è passato da 1.16 a 0.98 a 0.92 per poi attestarsi a 0.85 nella settimana che si sta per concludere. Intanto è già possibile fare alcune previsioni sui nuovi colori delle regioni a partire da lunedì 19 aprile: la mappa cromatica non dovrebbe subire grossi cambiamenti rispetto alla settimana appena trascorsa.

Monitoraggio ISS: nuovi colori regioni

Al momento in zona rossa ci sono Campania, Sardegna, Valle d’Aosta e Puglia mentre tutte le altre si trovano in fascia arancione (alcune avrebbero i numeri da zona gialla, ma il decreto attualmente in vigore vieta la sua istituzione fino al 30 aprile). Tra queste la Puglia e la Campania sperano di passare nella fascia di minor rischio.

La prima ha infatti un indice di contagio Rt inferiore a 1 e un’incidenza settimanale inferiore ai 250 casi ogni 100 mila, anche se la situazione negli ospedali rimane critica. Anche la seconda, dopo settimane di lockdown, sta facendo i conti con un miglioramento dei parametri. Valle d’Aosta e Sardegna con tutta probabilità continueranno invece ad avere le restrizioni maggiori.

Tutte le altre regioni attualmente arancioni dovrebbero restare tali tranne la Sicilia che rischa la zona rossa. Qui continua infatti ad essere alto il numero dei positivi e le massime restrizioni sono già state decretate in numerosi comuni siciliani e in tutta la provincia di Palermo.

Tra le regioni che avrebbero i numeri da zona gialla al momento vi sarebbero Lazio, Umbria, Veneto, Basilicata, Abruzzo, Molise e Alto Adige.