Come promuovere una piccola attività su Facebook e gli altri social network

Ecco una serie di consigli utili diretti a PMI e liberi professionisti per sfruttare al meglio le potenzialità delle reti social

Le piccole e medie imprese, si sa, sono la spina dorsale dell'economia italiana. Sono loro a dare occupazione alla maggior parte degli abitanti del Belpaese e a contribuire in maniera determinante al successo del made in Italy, sia in Italia che all'estero. Molte PMI a gestione familiare scontano però un ritardo che deve essere colmato in fretta: sfruttano poco (o per niente) le potenzialità dei social network per promuovere i propri business e assicurarsi nuovi clienti. Le piccole aziende molto spesso si dotano di un sito Internet per attestare la propria presenza in Rete ma in molti casi dimenticano, per pigrizia o per scarsa conoscenza delle strategie social, di connetterlo a tutti quegli strumenti online che permettono di interagire con la clientela e aumentare il traffico sul sito web aziendale.

Lo stesso discorso vale per i liberi professionisti, altro cuore pulsante della produttività italiana: sono ancora troppi i rappresentanti del "popolo delle partite Iva" che non sanno come puntare sulle reti social per amplificare la propria attività. Strumenti come le "fan page" business su Facebook, per esempio, possono diventare un'ottima piattaforma per lanciare campagne di marketing virale e si possono trasformare in veri e propri siti web in cui integrare strumenti di e-commerce, blog, coupon di sconto e così via. Trascurare queste opportunità significa indirettamente rinunciare a un aumento sostanziale di clienti e vendite.

Come usare i social network per promuovere il proprio piccolo business? Ecco una serie di consigli utili.

  • Definizione del target
    Prima di lanciare un'impresa sui social media è necessario considerare con attenzione quali sono i punti di forza della vostra attività e capire bene quali prodotti o servizi si vuole promuovere. A quel punto, dovete mettere a fuoco il vostro target e puntare ad allargarlo: oltre alla clientela tradizionale, bisogna porsi l'obiettivo di individuare nuovi potenziali clienti e comprendere le modalità con cui coinvolgerli.
  • Iscrizione a un social media
    La scelta dei social network su cui puntare è una tappa fondamentale. L'ideale, naturalmente, sarebbe la presenza su tutte le reti social più diffuse: Facebook, Twitter, LinkedIn, Pinterest e Youtube. Ma è necessario comprenderne a fondo il funzionamento. Facebook, per esempio, permette di creare una "pagina fan" per i piccoli business anche dal proprio account personale: una volta compreso il meccanismo, diventa più semplice gestirne direttamente i contenuti.
  • Trovare un sito di social media management o affidarsi a un esperto
    Gestire la propria presenza su vari social network non è facile e a volte diventa scoraggiante. Pertanto, se scegliete di essere presenti su più reti social, prima di pubblicare contenuti, fare richieste di amicizia (nel caso di Facebook) e aggiungere "follower" (nel caso di Twitter), iscrivetevi a un sito di social media management come Ping.fm o HootSuite: vi permette di gestire tutti i diversi account in un solo sito, analizzare il numero di click e le statistiche delle vostre pagine, e programmare l'orario di pubblicazione dei messaggi in modo da non dover passare tutto il giorno davanti a Internet. In alternativa, potete affidare il compito a un esperto che gestisca gli account al posto vostro in base alle vostre indicazioni.
  • Scegliere i contenuti più adatti
    Per avere il maggior numero possibile di amici, è necessario che le vostre pagine sui social network dispongano da subito di contenuti interessanti. In altre parole, se chiedete l'amicizia a qualcuno, dovete dargli un buon motivo per accettarla. Perciò, occorre scrivere informazioni sul vostro business e postare foto della vostra attività o di persone che già hanno utilizzato i vostri prodotti o servizi e sono rimaste soddisfatte. In più, è consigliabile usare Youtube per mettere online video relativi alla vostra attività e condividerli su Facebook e Twitter. Una strategia aggiuntiva è quella di mettere tra i preferiti i video postati da altri utenti di Youtube: molto spesso, chi scopre che un proprio filmato è stato aggiunto tra i preferiti e condiviso su Facebook o Twitter è curioso di sapere chi lo ha fatto. Così, un nuovo potenziale cliente andrà a visitare le vostre pagine social e, se le trova interessanti, diventerà fan su Facebook o follower su Twitter o Pinterest.
  • Trovare amici e follower
    Per trovare fan e amici su Facebook, il consiglio è di iniziare dagli amici "reali" e dai familiari. Un'altra modalità da prendere in considerazione è quella di pagare gli spazi pubblicitari previsti, chiamati social ads, dal costo relativamente contenuto. Andare a caccia di follower su Twitter può essere più semplice. Come prima cosa, bisogna puntare sulle parole chiave. Se la vostra attività è per esempio legata alla ristorazione cercate keyword come "pranzo", "cena", "aperitivo" e legate la ricerca alla città in cui operate e alle aree limitrofe: dai risultati della ricerca può uscire fuori un'ampia platea di potenziali nuovi clienti. In più, se gestite una piccola impresa individuate i maggiori player del vostro settore produttivo, diventate loro follower e commentate spesso ciò che pubblicano. Se una di queste grandi aziende condivide e "retweetta" qualcuno dei vostri post, il vostro messaggio può arrivare a migliaia di persone. Un altro obiettivo da perseguire è quello di coinvolgere giornalisti e blogger fornendo loro idee per articoli e storie non legate necessariamente alla vostra attività imprenditoriale. Se risulterete utili al loro lavoro, si incuriosiranno spontaneamente al vostro business e con molta probabilità ne parleranno alla prima occasione utile.
  • Interagire con amici e follower
    Cercate di costruire una relazione, anche minima, con i vostri amici e follower che prescinde dalla vostra attività imprenditoriale. Su Facebook, il consiglio è di condividere i loro link sul vostro wall, commentarli e stimolare piccoli dibattiti. Un'occasione importante, è per esempio costituita dai compleanni. Quando qualcuno compie gli anni, non dimenticate mai di fargli gli auguri e, se è il caso, offrite loro un buono sconto come regalo di compleanno. La probabilità che poi diventi un vostro cliente abituale è molto alta. Su Twitter, il procedimento deve essere simile. Retweetate i post dei vostri follower, commentateli e cercate di rispondere al maggior numero possibile di messaggi. In questo modo diventa più semplice che altri leggano i vostri interventi e li condividano a loro volta sulle proprie bacheche. In questo modo, progressivamente, il numero dei vostri follower può allargarsi significativamente e a quel punto diventa più facile proporre prodotti e servizi: nel flusso della comunicazione online, appariranno più come suggerimenti di una persona fidata che come strategie pubblicitarie.
  • Dare aiuti e piccoli favori
    Evitate di chiedere aiuti e favori a persone con cui non avete ancora stabilito una relazione online salda. Piuttosto, fate il contrario. Offrite suggerimenti, aiuti e piccoli favori senza chiedere nulla in cambio: è la strategia numero uno per diventare amici di qualcuno sui social media.