Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.277,49
    +70,07 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    33.551,09
    -230,39 (-0,68%)
     
  • Nasdaq

    11.034,43
    -47,58 (-0,43%)
     
  • Nikkei 225

    27.901,01
    +326,58 (+1,18%)
     
  • Petrolio

    71,60
    +0,14 (+0,20%)
     
  • BTC-EUR

    16.257,03
    -191,96 (-1,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    402,96
    -3,29 (-0,81%)
     
  • Oro

    1.809,70
    +8,20 (+0,46%)
     
  • EUR/USD

    1,0540
    -0,0020 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.942,75
    -20,76 (-0,52%)
     
  • HANG SENG

    19.900,87
    +450,64 (+2,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,62
    +21,35 (+0,54%)
     
  • EUR/GBP

    0,8592
    -0,0033 (-0,38%)
     
  • EUR/CHF

    0,9838
    -0,0046 (-0,47%)
     
  • EUR/CAD

    1,4369
    +0,0024 (+0,17%)
     

Come i rincari stanno rivoluzionando il modo di vivere delle persone

Come fare per il bonus bollette
Come fare per il bonus bollette

Gli aumenti di luce e gas già a partire dal luglio 2022 hanno drasticamente ridotto il potere d’acquisto dei cittadini. Anche perché, che piaccia o no, sono spese inevitabili (a meno che non si voglia vivere senza elettricità o senza riscaldamento).

Siccome, però, i conti delle famiglie devono essere portati, milioni di cittadini hanno drasticamente cambiato il proprio stile di vita. Ecco quali sono i cambiamenti più incisivi.

Stanno crescendo i prestiti per i bisogni primari

Continuano a crescere i prestiti nel privato. Del resto, c’era quasi da aspettarselo. Soprattutto da quelle famiglie monoreddito che già prima arrivavano a fine mese con estrema difficoltà. Se lo stipendio è rimasto uguale e le spese sono aumentate, è pura matematica il fatto che si sfora con le uscite. Pur, magari, facendo di tutto per fare in modo che non accada.

E l’unica soluzione per poter, almeno, tenere uno stile di vita dignitoso, è proprio quello di avere subito maggiori entrate. Ricevere un prestito può essere un’arma a doppio taglio perché, poi, prima o poi quei soldi bisogna restituirli (con gli interessi) ma, d’altra parte, se si deve per forza tamponare qualcosa non c’è una terza via praticabile.

Nella speranza che l’inflazione si dia una regolata e torni tutto, quantomeno, a una certa normalità.

Voglia di trovare nuove opportunità di guadagno

Se con lo stipendio attuale non ce la si fa più, sono sempre più le persone che provano a reinventarsi sul web. Nella speranza di trovare l’asso nella manica e provare ad avere una nuova entrata. Ovviamente, il discorso qui è molto complesso e non è la sede adatta per farlo in questo momento.

Perché il web non è più la gallina dalle uova d’oro in cui qualsiasi investimento va a buon fine. Ma c’è bisogno di competenza, tenacia e pazienza. Certo, ci sono alcune strade che per un certo tipo di persone sono più praticabili rispetto alle altre.

Per chi è bravo con la scrittura può essere utile provare a essere un copywriter o, se si è competenti in ambito grafico, crearsi un proprio portfolio on line.

I consumi si sono drasticamente ridotti

Questo è il corollario di tutta una situazione che, giocoforza, dovrà finire prima o poi. Perché i consumi si sono ridotti. Basta andare in un semplice supermercato o andare nei centri commerciali per capire che le persone acquistano in gran massa solo beni di prima necessità. Quelli, per intenderci, che coprono il mangiare e il bere.

Tutto il resto sarebbe evitabile, almeno per adesso. Però, siccome la vita non è solo mangiare e bere ma è anche altro – passioni, hobby, attività – ecco che le aziende si stanno adeguando a questo andazzo proponendo delle offerte al riguardo.

C’è chi promette iscrizioni al proprio portale attraverso dei bonus casino senza deposito oppure chi, in cambio dell’iscrizione a un portale, offre degli sconti sugli sconti. Chi, d’altra parte, riscopre il cashback, cioè praticamente un rimborso su quanto acquistato.

Perché bisogna fare di necessità virtù.

Più serate a casa

Chiudiamo con un aspetto che sta mettendo in ginocchio bar e ristoranti. Nel senso che, ovviamente, se i soldi non ci sono allora si deve stare a casa, magari guardando un bel film o una serie tv su Netflix. Se le persone stanno a casa, però, vuol dire che non consumano e non immettono soldi sul mercato.

Quindi le aziende non aumentano il fatturato – o lo vedono addirittura scendere – e sono costretti a licenziare, facendo aumentare la lunga lista dei disoccupati. Una situazione che, a lungo andare, rischia di essere insostenibile e che dovrà finire prima o poi.