FTSE MIB
21.819,48
+143,73
0,66%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.265,11
+147,39
0,64%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.703,00
+28,26
0,42%
^FTSE
Dax
9.548,68
+4,49
0,05%
^GDAXI
Dow Jones
16.501,65
0,00
0,00%
^DJI
S&P 500
1.878,61
+3,22
0,17%
^GSPC
Nikkei 225
14.404,99
-141,28
0,97%
^N225
Euro-Dollaro
1,3832
0,0014
0,10%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8232
0,0002
0,03%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2196
0,0013
0,11%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5952
0,0008
0,13%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,4620
0,2209
0,16%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6446
0,0252
0,29%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,4879
0,1332
0,27%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,89
0,45
0,44%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,68
0,05
0,97%
NGK14.NYM
Oro
1.293,70
+9,10
0,71%
GCM14.CMX
Argento
19,64
0,20
+1,04%
SIK14.CMX
Rame
3,12
0,06
+1,96%
HGK14.CMX
Grano
697,50
+14,75
+2,16%
WN14.CBT
Mais
507,00
-2,50
0,49%
CN14.CBT
 

Come si opera con le opzioni

Le opzioni sono contratti di Borsa che offrono al titolare il diritto di acquistare (queste opzioni sono definite “call”) o vendere (“put”) determinate attività finanziarie a un prezzo (identificato con il termine “strike”) e a una data (o entro una data) predefiniti. Proprio la facoltà di acquistare/vendere il sottostante solo se conviene al titolare – senza quindi esserne obbligati - è il tratto caratteristico delle opzioni nell’universo dei derivati.

Call e put a confronto
Nel caso dell’opzione call (che viene sottoscritta quando si stima un rialzo), il diritto all’acquisto sorge dietro il pagamento di un premio che costituisce il prezzo dell’opzione stessa. La massima perdita possibile in caso di call è data dalla somma tra il premio e le commissioni pagate, mentre il guadagno è teoricamente illimitato.

Un esempio può aiutare a comprendere meglio il funzionamento dello strumento.
L’investitore compra un’opzione call che prevede l’acquisto del sottostante dopo un anno a 100 euro, pagando 10 euro per l’operazione (commissioni comprese). A scadenza il sottostante vale 150, per cui l’investitore avrà tutto l’interesse a esercitare l’opzione sborsando 100 euro. Il suo guadagno, in caso di rivendita del sottostante a 150, sarà quindi di 40 euro (150-100+10), somma sulla quale andrà poi calcolato il capital gain.
Se, invece, il sottostante ha visto scendere il suo valore a 80, l’investitore non avrà interesse a esercitare l’opzione di acquisto e la sua perdita sarà limitata a 10 euro.

All’opposto, chi vede un trend ribassista paga un premio e può così riservarsi di vendere l’attività finanziaria sottostante, che può abbracciare diverse possibilità, dalle azioni alle commodity, passando per i tassi di interesse. In questo caso il massimo guadagnato è dato dal premio pagato dall’acquirente e dalle commissioni, mentre la possibile perdita è illimitata.

Speculazione o copertura

Come spesso capita in finanza, uno strumento può essere utilizzato con finalità opposte. Così il ricorso alle opzioni può servire a chi si muove con finalità speculative, così come a chi punta a
coprirsi dal rischio di oscillazione dei  prezzi (magari anche per via dell’evoluzione registrata dai cambi) per le merci importate, qualora l’acquisto sia lontano nel tempo. In questo secondo caso l’importatore così non acquista il bene in anticipo, ma paga solo l’opzione, con la commissione pagata che agisce alla stregua di un premio assicurativo (il prezzo da pagare per la sicurezza).

Le classificazioni geografiche
Convenzionalmente si usano indicazioni geografiche per indicare le diverse tipologie di opzioni. Sono “europee” quelle esercitabili solo a scadenza, mentre “americane” quelle che possono essere esercitate per tutto il tempo che intercorre tra la sottoscrizione dell’opzione stessa e la sua scadenza. Quando ci sono varianti alla struttura fin qui descritta si entra nel capo delle opzioni “esotiche”, con clausole aggiuntive che ad esempio possono riguardare l’evoluzione della quotazione del sottostante nel tempo.

Caricamento...

Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!