Italia markets open in 7 hours 7 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1874
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    32.250,04
    -1.048,54 (-3,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    928,35
    -15,09 (-1,60%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Come una splendida isoletta greca si è trasformata in un vero laboratorio della transizione energetica

·3 minuto per la lettura
Photo credit: REDA&CO - Getty Images
Photo credit: REDA&CO - Getty Images

Sulla bellissima Astypalea, l’isola a forma di farfalla nel mare Egeo, è cominciata la rivoluzione elettrica: due terzi dei veicoli stanno per essere sostituiti da auto, bici e scooter elettrici, progressivamente alimentati da fonti rinnovabili. E siccome non è sufficiente cambiare i motori per rendere sostenibile un sistema di trasporto, le attività tradizionali di noleggio di veicoli saranno trasformate in servizi di mobilità condivisa, che sostituiranno e renderanno più efficiente il servizio di trasporto pubblico: sull’isola sarà organizzata una flotta di car-sharing per residenti e non con un sistema di gestione digitale che eviterà ad incauti turisti di perdersi sulle stradine di montagna, come spesso succede d’estate…

Photo credit: Getty / ALEXANDROS VLACHOS
Photo credit: Getty / ALEXANDROS VLACHOS

I generatori diesel che garantiscono oggi l’elettricità all’isola saranno eliminati e sostituiti da campi fotovoltaici e turbine eoliche da 3MW entro il 2023 che garantiranno elettricità pulita al 100% dei veicoli e copriranno il 60% di tutti i consumi di elettricità (entro il 2026 si arriverà a coprire l’80%). La rivoluzione elettrica di Astypalea nasce da un accordo tra il governo greco e la casa automobilistica tedesca Volkswagen, che ha l’obiettivo di trasformare l’isola in un laboratorio per sperimentare come si può accelerare la transizione energetica verso fonti rinnovabili in una micro-comunità. L’esperienza servirà come base progettuale per altre realtà simili, come le nostre piccole isole italiane: Astypalea ha una superficie di 100 kmq – circa la metà dell’isola d’Elba – con 1300 residenti e 70mila turisti l’anno.

Photo credit: Getty / Freeartist
Photo credit: Getty / Freeartist

Perché è stata scelta proprio Astypalea tra tutte le isole greche? Per una serie di fattori: intanto perché è un’isola un po’ defilata dai grandi flussi turistici, davvero molto lontana (si raggiunge, oltre che in aereo, in 10 ore di navigazione dal Pireo) e meta privilegiata di chi ama una vacanza mare-natura-tranquillità ed è probabilmente più ben disposto a sperimentare questa nuova tipologia di servizi di mobilità. Per quanto riguarda i residenti, il progetto di elettrificazione aiuterà a tagliare la bolletta energetica del 25%: per questa tipologia di isole, l’approvvigionamento di idrocarburi e gas è particolarmente oneroso, dal momento che i rifornimenti devono arrivare via nave dalla terraferma.

Photo credit: Getty / GEORGE PAPAPOSTOLOU
Photo credit: Getty / GEORGE PAPAPOSTOLOU

Il governo dunque potrà sperimentare speciali incentivi per convincere gli abitanti di Astypalea a cambiare automobile - o a farne a meno potendo contare sui servizi di mobilità condivisa - e ad elettrificare i loro consumi.

La rivoluzione elettrica di Astypalea sarà seguita passo passo da un gruppo di ricercatori delle Università di Strathclyde (Scozia) e dell’Egeo che monitoreranno le reazioni, il gradimento o le obiezioni della comunità locale: si sa che anche le iniziative più virtuose vengono accettate e dunque funzionano se corrispondono ai desideri, alle esigenze e alla sensibilità di chi le vive in prima persona. Per ora i residenti di Astypalea hanno espresso solo la precisa richiesta che la rivoluzione elettrica non alteri il paesaggio dell’isola, che è il loro bene più prezioso, con distese invasive di pannelli fotovoltaici o con pale eoliche troppo evidenti.

Photo credit: Getty / GEORGE PAPAPOSTOLOU
Photo credit: Getty / GEORGE PAPAPOSTOLOU
Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli