Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.944,00
    -114,52 (-0,33%)
     
  • Nasdaq

    14.718,02
    +57,44 (+0,39%)
     
  • Nikkei 225

    27.581,66
    -388,56 (-1,39%)
     
  • EUR/USD

    1,1818
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    33.556,27
    +1.356,28 (+4,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    931,41
    +1,48 (+0,16%)
     
  • HANG SENG

    25.473,88
    +387,45 (+1,54%)
     
  • S&P 500

    4.395,48
    -5,98 (-0,14%)
     

Comitè Champagne: nuova legge russa su etichette è inaccettabile

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 lug. (askanews) - La Champagne è scandalizzata per la nuova legislazione russa sull'etichettatura dei vini definita "inaccettabile" e in base alla quale il termine "Champagne", "Shampanskoe" in russo, sarà da ora in poi riservato ai vini effervescenti russi mentre i vini di Champagne dovranno riportare in etichetta la dicitura "vino spumante".

Il Comité Champagne, che ha sede a Epernay e riunisce tutti i viticoltori e tutte le Maison di Champagne in una nota "disapprova questa normativa che non assicura ai consumatori russi un'informazione chiara e trasparente sull'origine e le caratteristiche dei vini". Di fatto, questa nuova legge rimette in discussione più di vent'anni di colloqui bilaterali tra l'Unione Europea e la Russia sulla protezione delle denominazioni d'origine.

Il Comité Champagne sta ovviamente analizzando i dettagli e le conseguenze di questa legge, "di cui non era stato informato dalle autorità russe" e fa appello alla diplomazia francese ed europea "per ottenere la modifica di questa legge inaccettabile".

Il nome Champagne è protetto in più di 120 paesi e "il Comité Champagne - si legge in una nota - è determinato a portare avanti i dialoghi con le autorità russe per ottenere il diritto d'uso esclusivo del nome Champagne sul territorio russo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli