Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,94 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,26 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,44 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,42 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    47.215,18
    -1.711,72 (-3,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,29 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,85 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Commercio estero, Istat: export febbraio +0,3%, su anno -4,4%

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 apr. (askanews) - A febbraio si stima una crescita congiunturale per i flussi commerciali con l'estero, più intensa per le importazioni (+1,4%) che per le esportazioni (+0,3%). Su base annua si registra una flessione dell'export del 4,4% (da -8,5% di gennaio). L'import segna un calo tendenziale dell'1,6% (da -11,6% di gennaio). Lo ha reso noto l'Istat.

La stima del saldo commerciale a febbraio 2021 è pari a +4.754 milioni di euro (era +5.975 a febbraio 2020). Al netto dei prodotti energetici il saldo è pari a +6.967 milioni (era +8.444 a febbraio dello scorso anno).

"A febbraio l'export - è il commento dell'Istat - registra un moderato aumento su base mensile cui contribuiscono le sole vendite verso i paesi dell'area Ue. Su base annua, la dinamica negativa dell'export si attenua; la flessione - più contenuta (-2,7%) al netto di operazioni occasionali di elevato impatto (cantieristica navale) - è spiegata per 2,3 punti percentuali dalla contrazione delle esportazioni di prodotti della raffinazione, dell'abbigliamento e pelli e di macchinari. L'import segna un aumento congiunturale più ampio e registra un netto ridimensionamento del calo tendenziale".