Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,55 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.761,05
    +424,38 (+1,27%)
     
  • Nasdaq

    13.047,19
    +267,27 (+2,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,98
    +727,65 (+2,62%)
     
  • Petrolio

    91,88
    -2,46 (-2,61%)
     
  • BTC-EUR

    23.965,03
    -301,29 (-1,24%)
     
  • CMC Crypto 200

    574,64
    +3,36 (+0,59%)
     
  • Oro

    1.818,90
    +11,70 (+0,65%)
     
  • EUR/USD

    1,0257
    -0,0068 (-0,66%)
     
  • S&P 500

    4.280,15
    +72,88 (+1,73%)
     
  • HANG SENG

    20.175,62
    +93,19 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,81
    +19,76 (+0,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8457
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    0,9656
    -0,0058 (-0,60%)
     
  • EUR/CAD

    1,3100
    -0,0071 (-0,54%)
     

Commercio extra-Ue giugno in rosso per 2,815 mld euro, sale deficit energetico - Istat

La bandiera italiana a Palazzo Chigi a Roma

ROMA (Reuters) - A giugno il commercio estero italiano extra-Ue risulta in deficit di 2,815 miliardi di euro rispetto all'avanzo di 4,802 miliardi nello stesso mese 2021, con la crescita dell'import in ulteriore accelerazione a cui contribuisce per quasi due terzi l'aumento di acquisti degli energetici.

Secondo i dati forniti stamani da Istat, nel mese in esame l'export sale del 21,0% su anno (era +26,1% a maggio), l'import del 73,7%.

Il deficit energetico raggiunge a giugno i 9,08 miliardi, rispetto ai 2,727 miliardi di un anno prima.

"Il deficit energetico si amplia e supera nei primi sei mesi dell'anno i 48 miliardi; nello stesso periodo il deficit commerciale raggiunge i 12 miliardi, a fronte di un avanzo di oltre 25 miliardi dei primi sei mesi del 2021", spiega Istat in un comunicato.

Guardando alla dinamica congiunturale, l'interscambio con i Paesi extra Ue registra un forte aumento delle importazioni (+8,6%) determinato dai maggiori acquisti di energia, e una lieve flessione per le esportazioni (-1,5%) dovuta soprattutto al calo delle vendite di beni strumentali.

Nel secondo trimestre la dinamica dell'export resta comunque molto positiva, con una crescita del 6,8% rispetto a gennaio-marzo.

(Antonella Cinelli, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli