Italia Markets close in 5 hrs 2 mins

Commissione Ue lancia il piano per "Transizione energetica... -3-

Loc

Strasburgo, 14 gen. (askanews) - In questo quadro, l'Italia potrebbe chiedere di ricorrere al Fondo per la transizione equa per la riconversione di diversi impianti industriali oggi alimentati a carbone, e in particolare per la riqualificazione del territorio di Taranto, con la decarbonizzazione dell'ex Ilva, un progetto a cui ha accennato più volte, recentemente, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Il commissario Ue agli Affari economici, Paolo Gentiloni, presentando le decisioni della Commissione a Strasburgo, ha detto che "certamente" il Fondo di transizione potrà riguardare anche l'ex Ilva, osservando che "la Puglia, e in particolare la zona di Taranto, è una tipica dimostrazione, come altre regioni dell'Europa, di regioni in cui una transizione a energie che usano meno intensamente il carbone è necessaria".

"Il che non vuol dire naturalmente - ha puntualizzato il commissario - che i problemi dell'Ilva saranno risolti dal Just transition fund". Gentiloni ha aggiunto poi che "anche la possibilità di modificare alcune regole Ue degli aiuti pubblici, e per ora comunque di interpretarle nel modo più flessibile possibile, è una delle condizioni perchè le difficoltà dell'Ilva vengano risolte".

"Non è solo questione - ha aggiunto Gentiloni - del contributo finanziario che può venire dall'Ue, ma anche una questione di regole diverse sugli aiuti di Stato, che discuteremo nelle prossime settimane, e che sicuramente ha un'importanza almeno altrettanto grande per far fronte a crisi industriali come quella dell'Ilva".

Il Meccanismo di transizione equa prospetta infatti anche una revisione delle norme Ue sugli aiuti di Stato, con un allargamento delle maglie per i sussidi pubblici alle imprese, che possono essere giustificati con gli obiettivi climatici e della transizione energetica.