I mercati italiani sono chiusi

Completato ciclo ottimismo, necessari nuovi stimoli

Bruno Chastonay
 

Situazione generale sempre invariata, entro geopolitica e dati economici, con gli occhi sulle prossime riunioni Banche Centrali, in particolare ECB, e dei ministri finanziari Eu. Rientrata la tensione NORD COREA, Immigrati, TURK, TRUMP, e altri, e nazionalismi, protezionismo, sanzioni, guerra commerciale, ma sempre latenti. I RISCHI e i problemi sono ancora tutti sul tavolo, ben lungi dall’essere risolti. Rischi dai DEBITI, dove gli Usa superano il tetto psicologico dei 20trln, seguiti da molti altri Stati. Ma positive le attese per le riforme fiscali e il tetto debito USA. E come sottolineato da OECD, e BIS, che vede le situazioni attuali pari a quelle del 2008. Ampi commenti Junker ECB, di ottimismo, di ricerca nuove adesioni di 3 stati, senza TURK, e a volere l’adozione dell’EURO per tutti i 27 Paesi e non solo dai 19 come ora. Lodi per la crescita, occupazione, export, tenuta dell’Euro, del lavoro ITL su immigrazione. Spinta a ministro finanze EU, ulteriori misure di coesione, ristrutturazione. E misure di controllo su afflusso capitali esteri di investimento. Per il momento comunque i mercati restano ottimisti, sulla scia del miglioramento dei DATI economici, primi segnali di aumento potenziale INFLAZIONE, dal rialzo prezzi produzione e materie prime, petrolio, prezzi ingrosso, in Cina, India, Giappone, Germania, Uk, e altri. Ieri il dato inflazione e prezzi consumo in EU vari stati, sono stati riconfermati. Indicatore chiave per future mosse ECB. In rialzo oltre attese i prezzi produzione/import in CH. Calo della disoccupazione UK, e crescita robusta SEK, rialzo occupati EU nel previsto, con produzione industriale migliore, ma piatta.

Per immigrazione abbiamo solo un cambio delle rotte di sbarchi, Trump vince su legge Muslim Ban, in EU vari Stati chiedono flessibilità Schengen, dalla TURK Erdogan continua a premere. Comunque, con la situazione nuovamente rientrata, con ridotti effetti per i mercati finanziari, già vissuto piu’ volte negli ultimi 2 anni, la ricerca RENDIMENTO prosegue. INDICI in Asia max10anni, USA record Dow e Nasdaq (Francoforte: 813516 - notizie) . Ieri in pausa, dopo 2 giorni frenetici, di coperture posizioni di breve termine, riaggiustamenti vari, e rinnovate liquidazioni settoriali. Bene (Londra: 0N6T.L - notizie) energia, male utility, peso da APPLE (NasdaqGS: AAPL - notizie) , dopo la presentazione dei nuovi prodotti, non senza qualche intoppo tecnico. E i piu’ vicini alla produzione in Cina hanno ceduto ieri tra il 4 e il -6.5pc, e una domanda è ricorrente, cioè se ci saranno compratori disposti a spendere oltre euro 1.000 per un cellulare. YIELDS stabili sui recuperi di lunedì, e piu’ sostenuti, SPREAD periferici Eu invariati. E da notare l’emissione 100anni da AUSTRIA, yield 2pc, che la dice lunga (rischio volatilità per ogni 1bps, x 43bps). Cede ORO, EURO, bene GBP anche se cede qualcosa nel finale, grazie ai dati inflazione, trattative Brexit. Bene ancora CAD, AUD, NZD, con spinta da rendimento e aspettative sui TASSI. Con il recupero del DOLL, anche se limitato, cedono TURK, RUBLO, YUAN, MXN, ZAR, NOK, BRAS, balzo PesoARG, stabile SEK. E cede ancora il CHF/cross, a rivedere la trendline del medio termine per la 6.a volta da inizio agosto. EURO in cedimento verso primo obiettivo 1.1850/doll, e target 1.15550 e 1.14 invariati. Sempre sotto tono YEN. E il FOCUS dei mercati resta per l’odierna riunione BNS-CH e BoE (Shenzhen: 000725.SZ - notizie) -UK per la decisione sui TASSI, previsti invariati, e occhio ai COMMENTI. Poi da venerdì, 2 giorni di ministri finanziari. CRIPTO valute crollo 30pc in una settimana. CAD su max2 anni da politiche divergenti, eco divergenti, con gli Usa.

Dati economici

PETROLIO +1.50pc. IEA prev domanda globale rialzate, produz primo calo da 4mesi, stoccaggi EU invariati. USA stoccaggi calo oltre, scorte balzo – CAFFE’ +2.0pc – RAME -1.7pc – OECD  e BIS rischi e situazioni molto simili al 2008 – McKinsey Private Banking EU rallentato – BANCHE S&P rating globale stabile, rischi 2016 inv, sempre presenti su crediti/qualità. UBS Orcel nuove regole Mifid rischio per profittabilità – Citybank 30pc dei lavori in banca destinati a sparire prox 5anni da computer e robot – EU occupaz 2.trim +0.4pc e 1.6anno. prod industr luglio 0.1 e 3.2anno – CH Yield 10anni -0.07pc. Richemont vendite da genn +10pc. Ppi ago 0.3 e 0.6anno. segreto bancario braccio di ferro al Parlamento prosegue. Vontobel realizza operazionii borsa per 40banche CH – UK yield 10anni 1.14. disocc luglio 4.3 da 4.4pc. guadagni reali 2.1pc inv – GER yield 10anni 0.39. inflaz ago 0.2 e 1.8anno, cpi 0.1 e 1.8anno. ppi 0.3 e 3.2anno da 2.2pc. BMW (EUREX: BMWE.EX - notizie) vendite 2.7anno – FF yield 10anni 0.69 – ITL 2.09, btp/bund 170. Generali (EUREX: 566030.EX - notizie) cede attività NL. Digital Bros (Londra: 110405.L - notizie) -4.0. Mediaset (Amsterdam: MA8.AS - notizie) -5.0pc. BIM +6.0pc in attesa nuovo proprietario – ESP yield 10anni 1.59. cpi 0.2 e 1.6anno, inflaz 0.2 e 2.0anno – AUSTRIA emiss bond 100anni raccoglie 11bln, yield 2.10pc – NOK fondo sovrano a 1trl, record storico, e verso investimenti sostenibili – SEK gdp 2trim 1.7 e 4.0anno  USA yield 10anni 2.18. 30anni mutui +9.9pc, yield 4.03 da 4.06pc. aste 3 e 10anni negative. Ppi ago 0.2, core 0.1pc. JPMOrgan (Londra: JPIU.L - notizie) prev -20pc utili da trading 3.trim. Mc Donald pesante. Apple emissione 5bln 4 tranche confermata, -1.50pc – AUD RBA crescita troppo bassa per giustificare rialzo tassi. Sentiment cons sett 2.5 da -1.2 – CINA produttori viino Apple, -4 e -6.5pc – S.COREA disocc ago 3.8 da 3.6pc – GIAPP condizioni grandi industrie 3.trim 9.4 da -2.9. ppi 0.0 e 2.9anno da 2.6pc – VEN trattative in corso per salvataggio PDVSA  - ZAR vendite dett luglio 1.8 da 3.2anno.

Autore: Bruno Chastonay Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online