Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.178,31
    -10,07 (-0,03%)
     
  • Nasdaq

    13.514,38
    +57,14 (+0,42%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2154
    +0,0038 (+0,32%)
     
  • BTC-EUR

    26.014,69
    -2.835,97 (-9,83%)
     
  • CMC Crypto 200

    626,85
    -53,06 (-7,80%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.851,91
    +0,06 (+0,00%)
     

Con l'inizio del prossimo anno potrebbe arrivare una nuova e di facile utilizzo arma contro il Coronavirus

·1 minuto per la lettura
Coronavirus
Coronavirus

Uno spray nasale contro il Covid potrebbe presto arrivare dall’Università di Pittsburgh, negli Stati Uniti. La nuova arma sta per entrare nella fase di sperimentazione sugli esseri umani. “Abbiamo trovato un anticorpo monoclonale che combatte il Coronavirus di dimensioni molto piccole, che quindi possiamo far passare attraverso le mucose del naso, come spray. Mentre gli altri medicinali di questo tipo solitamente si iniettano per via endovenosa”, spiega Giovanni Vizzini, direttore medico-scientifico di Upmc Italy (University of Pittsburgh Medical Center) a la Repubblica.

Spray nasale contro Covid

“Se la sperimentazione andrà bene, spero che entro qualche mese l’anticorpo potrà essere disponibile, aiuterà tutti quelli che non possono vaccinarsi o su cui il vaccino non fa effetto”, ha aggiunto Giovanni Vizzini. “Non credo però che gireremo con lo spray anti-Covid in tasca. Questo tipo di farmaci è molto potente e va sempre somministrato sotto sorveglianza medica“.

In Italia è stata raggiunta la drammatica quota di 50mila morti di Covid. Da settembre a novembre, si sono registrati 15mila decessi, mentre durante la prima ondata si toccò quota 35mila. I dati confermano, tuttavia, che le regioni del nord restano le più colpite, in particolare Lombardia e Piemonte. La prima piange 20 mila morti, mentre il Piemonte 5 mila. Il quadro generale però è cambiato e anche nel resto della penisola i dati sono allarmanti, In Emilia-Romagna si attestano 5.300 morti, mentre in Veneto 3.200.