Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.970,73
    +112,53 (+0,49%)
     
  • Dow Jones

    33.911,78
    +150,73 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    13.136,73
    +89,55 (+0,69%)
     
  • Nikkei 225

    28.871,78
    +324,80 (+1,14%)
     
  • Petrolio

    89,23
    -2,86 (-3,11%)
     
  • BTC-EUR

    23.720,32
    -355,83 (-1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    572,61
    -18,15 (-3,07%)
     
  • Oro

    1.795,00
    -20,50 (-1,13%)
     
  • EUR/USD

    1,0165
    -0,0093 (-0,90%)
     
  • S&P 500

    4.298,63
    +18,48 (+0,43%)
     
  • HANG SENG

    20.040,86
    -134,76 (-0,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.789,62
    +12,81 (+0,34%)
     
  • EUR/GBP

    0,8427
    -0,0029 (-0,35%)
     
  • EUR/CHF

    0,9617
    -0,0038 (-0,39%)
     
  • EUR/CAD

    1,3113
    +0,0011 (+0,09%)
     

"Con terza guerra mondiale, prime bombe su Londra": minaccia da Mosca

(Adnkronos) - Londra sarà la prima città ad essere bombardata dalla Russia in caso di terza guerra mondiale. A lanciare il monito è stato uno stretto alleato del presidente russo Vladimir Putin, il deputato Andrey Gurulyov, uno dei membri della Duma di Stato sanzionato dal Tesoro Usa per presunti crimini di guerra.

Parlando alla televisione russa 1Tv, Gurulyov ha affermato che la capitale del Regno Unito sarà subito colpita se le restrizioni imposte dalla Lituania all'exclave russa di Kaliningrad dovessero portare alla guerra. "Durante la prima operazione aerea distruggeremo l'intero gruppo di satelliti nemici. A nessuno importerà se sono americani o britannici, li vedremmo tutti come Nato", ha dichiarato il deputato.

"In secondo luogo, colpiremo l'intero sistema di difesa antimissilistica, ovunque e al 100% - ha aggiunto - Terzo, non partiremo di certo da Varsavia, Parigi o Berlino. La prima ad essere colpita sarà Londra. È chiaro che la minaccia per il mondo viene dagli anglosassoni".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli