Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1348
    +0,0075 (+0,67%)
     
  • BTC-EUR

    44.554,94
    -78,56 (-0,18%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.320,56
    +15,44 (+1,18%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Con una dieta diversificata si vive più a lungo

·1 minuto per la lettura

AGI - La biodiversità alimentare aiuta a vivere di più. A sostenerlo, uno studio multidisciplinare pubblicato su PLOS Medicine chiamato EPIC (European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition).

Secondo i ricercatori, la diversità nell'alimentazione è un valore da preservare perché ha il potenziale intrinseco di ridurre la mortalità e migliorare la resilienza del sistema Terra. Lo studio EPIC ha esaminato le associazioni tra ricchezza di specie alimentari e successiva mortalità tra 451.390 adulti sani arruolati dal 1992 al 2014, (follow-up mediano: 17 anni) senza cancro, diabete, infarto o ictus al basale. Le abitudini alimentari dei volontari sono state valutate con questionari dietetici (DQ) specifici per Paese.

La ricchezza dietetica (DSR) annuale di un individuo è stata calcolata in base al numero assoluto di specie biologiche uniche in ciascun alimento e bevanda. Le associazioni sono state valutate adattando modelli di regressione dei rischi proporzionali di Cox aggiustati per più variabili. 

Nella coorte Epic, due colture (grano tenero e patata) e due specie animali (mucca e maiale) rappresentavano circa il 45% dell'apporto energetico alimentare totale. In questa ampia coorte paneuropea, un DSR più elevato era inversamente associato alla mortalità totale e specifica per causa, indipendentemente da fattori sociodemografici, stile di vita e altri fattori noti di rischio dietetici. Sono state osservate anche associazioni inverse significative tra DSR e decessi dovuti a cancro, malattie cardiache, malattie dell'apparato digerente e malattie respiratorie. Un'importante limitazione dello studio è che i risultati si basavano su una coorte osservativa che utilizzava dati dietetici auto-riportati ottenuti attraverso questionari sulla frequenza alimentare di base (FFQ); pertanto, non è possibile escludere una classificazione errata dell'esposizione. I risultati supportano il potenziale della biodiversità alimentare (specie) come principio guida delle raccomandazioni dietetiche sostenibili e delle linee guida dietetiche.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli