Italia markets open in 6 hours 58 minutes
  • Dow Jones

    34.584,88
    -166,42 (-0,48%)
     
  • Nasdaq

    15.043,97
    -137,93 (-0,91%)
     
  • Nikkei 225

    30.500,05
    +176,75 (+0,58%)
     
  • EUR/USD

    1,1733
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    40.318,98
    -1.125,70 (-2,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.186,92
    -38,61 (-3,15%)
     
  • HANG SENG

    24.920,76
    +252,96 (+1,03%)
     
  • S&P 500

    4.432,99
    -40,76 (-0,91%)
     

Concorso Unico RIPAM Lavoro: 1.514 posti per laureati, anche triennali, a tempo indeterminato

·4 minuto per la lettura

Concorso Unico RIPAM Lavoro: 1.514 posti per laureati, anche triennali, a tempo indeterminato

Con pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 30 luglio 2021, sezione Concorsi ed esami n. 60, la Presidenza del Consiglio dei Ministri ha indetto un avviso di riapertura e rettifica per il concorso già pubblicato in Gazzetta Ufficiale in data 27 agosto 2019 (n. 68) riguardante l’assunzione a tempo indeterminato di 1.514 unità di personale non dirigenziale presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro e l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL).

In particolare, i posti messi a bando riguardano i seguenti profili professionali:

  • 691 Ispettori del lavoro, Area III – F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro (Codice CU/ISPL);

  • 823 Amministrativi/Funzionari di area amministrativa giuridico contenzioso (Codice CU/GIUL), a loro volta suddivisi in:

    • 131 Funzionari di area amministrativa giuridico contenzioso, Area III - F1, da inquadrare nei ruoli dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro;

    • 57 Funzionari di area amministrativa giuridico contenzioso, Area III - F1, da inquadrare nei ruoli del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali;

    • 635 Amministrativi, Area C, livello economico C1, da inquadrare da inquadrare nei ruoli dell’INAIL.

Per partecipare al concorso è necessario essere in possesso dei seguenti requisiti generali:

  • cittadinanza italiana (per il profilo di Ispettore del lavoro) oppure (per i profili Amministrativi e Funzionari) cittadinanza italiana, equiparata o di Stato UE o di Stato terzo purché, in questo ultimo caso, sussista una delle seguenti condizioni: familiari di cittadini UE con titolarità del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente oppure titolarità dello status di rifugiato o di protezione sussidiaria o del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;

  • età non inferiore a 18 anni;

  • idoneità fisica alle mansioni;

  • godimento dei diritti civili e politici;

  • non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;

  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una PA per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale;

  • non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;

  • per i candidati di sesso maschile nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva.

Di seguito, invece, indichiamo i requisiti specifici necessari per partecipare al concorso in base al profilo:

  • Ispettore del lavoro: possesso di uno dei seguenti titoli di studio: laurea triennale in una delle seguenti classi: L-14 Scienze dei servizi giuridici, L-16 Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali; laurea magistrale in una delle seguenti classi: LMG/01 Giurisprudenza; LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni; laurea specialistica in una delle seguenti classi: 22/S Giurisprudenza, 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica; laurea vecchio ordinamento in Giurisprudenza; titoli equiparati o equipollenti secondo la normativa vigente.

  • Funzionario di area amministrativa: possesso di uno dei seguenti titoli di studio: laurea triennale in una delle seguenti classi: L-14 Scienze dei servizi giuridici, L-16 Scienze dell’amministrazione e dell’organizzazione, L-36 Scienze politiche e delle relazioni internazionali; laurea magistrale in una delle seguenti classi: LMG/01 Giurisprudenza, LM-63 Scienze delle pubbliche amministrazioni, LM-62 Scienze della politica; laurea specialistica in una delle seguenti classi: 22/S Giurisprudenza, 102/S Teoria e tecniche della normazione e dell’informazione giuridica, 71/S Scienze delle pubbliche amministrazioni, 70/S Scienza della politica; laurea vecchio ordinamento in Giurisprudenza; titoli equiparati o equipollenti secondo la normativa vigente.

  • Amministrativo: possesso di uno dei seguenti titoli di studio: laurea triennale, magistrale, specialistica o vecchio ordinamento in qualsiasi classe/disciplina.

NB.: I requisiti devono essere posseduti dai candidati alla data dell’11 ottobre 2019.

Per la definizione della graduatoria finale, lo svolgimento delle procedure concorsuali prevede la valutazione dei titoli presentati dai candidati e 3 prove:

  • eventuale prova preselettiva;

  • prova scritta;

  • prova orale.

Per partecipare al concorso è necessario inviare domanda, esclusivamente tramite le modalità indicate nel bando (via telematica), entro e non oltre il 30 agosto 2019.

Scarica qui il bando completo

Consulta qui l’avviso di rettifica

Per tutte le ulteriori informazioni, invitiamo a visitare la sezione dedicata al concorso sul sito web del Formez per i concorsi e la riqualificazione nella Pubblica Amministrazione, a questo link.

LEGGI ANCHE: Concorsi al Ministero della Salute, 27 assunzioni a tempo indeterminato per laureati anche triennali in materie giuridiche, economiche e politologiche

Seguici anche su Telegram: iscriviti qui al nostro canale

Autore: We Can Job. Per approfondimenti su formazione e lavoro visita il sito Wecanjob.it.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli