Italia markets close in 3 hours 54 minutes
  • FTSE MIB

    22.926,49
    -71,34 (-0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.152,01
    +239,61 (+0,71%)
     
  • Nasdaq

    13.102,55
    -25,55 (-0,19%)
     
  • Nikkei 225

    29.222,77
    +353,86 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    86,40
    -0,13 (-0,15%)
     
  • BTC-EUR

    23.394,30
    -449,91 (-1,89%)
     
  • CMC Crypto 200

    566,30
    -5,61 (-0,98%)
     
  • Oro

    1.782,10
    -7,60 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,0163
    -0,0008 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.305,20
    +8,06 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    19.922,45
    +91,93 (+0,46%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.776,91
    -28,31 (-0,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8418
    +0,0014 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    0,9685
    +0,0028 (+0,29%)
     
  • EUR/CAD

    1,3116
    +0,0058 (+0,44%)
     

Condizionatori e riscaldamenti negli uffici pubblici: le regole in arrivo

·2 minuto per la lettura
Condizionatori e riscaldamenti negli uffici pubblici: le regole in arrivo (Getty Images)
Condizionatori e riscaldamenti negli uffici pubblici: le regole in arrivo (Getty Images)

"Preferite il condizionatore o la pace?". Mentre ancora rimbomba nelle orecchie degli italiani la domanda fatta dal premier Mario Draghi, ecco che nel dare il via libera al disegno di legge di conversione del decreto bollette, il Parlamento mette un freno al condizionatore selvaggio negli uffici pubblici.
Le commissioni Ambiente e Attività produttive hanno approvato un emendamento del M5S al decreto bollette che impone una stretta su termosifoni e condizionatori della pubblica amministrazione. Il decreto è atteso a Montecitorio lunedì.

LEGGI ANCHE: Paragone: "Condizionatori? Draghi spieghi o chiederò a Parlamento di spegnerli"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Caldo torrido, il condizionatore non è l'unica soluzione

Ma che cosa prevede nello specifico il decreto? Negli edifici della Pubblica amministrazione la temperatura non potrà superare i 19 gradi in inverno e non potrà essere inferiore a 27 gradi in estate. Sono previsti due gradi di tolleranza nel periodo che va dal primo maggio al 31 marzo 2023. Lo scopo è "ridurre i consumi termici degli edifici ed ottenere un risparmio energetico annuo immediato”.

LEGGI ANCHE: L'embargo al gas russo e il 'caso condizionatori' agitano i partiti

Oggi la temperatura degli edifici pubblici, in base a una disposizione del 2013, è fissata rispettivamente a 20 gradi e 26 gradi, sempre con 2 gradi di tolleranza. I limiti vengono, quindi, modificati di un grado. Da queste disposizioni sono esclusi ospedali, cliniche e case di cura.

LEGGI ANCHE: Bonus mobili ed elettrodomestici 2022: come funziona, requisiti, importi

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Ucraina, la frase di Draghi su pace, gas e condizionatori

Le misure stanziate nel decreto ammontano a quasi 8miliardi, di cui circa 5,5 per fare fronte al caro energia. Prevista a questo scopo la cancellazione degli oneri di sistema per le utenze domestiche per il secondo trimestre e il potenziamento del bonus sociale. La restante parte va a sostegno delle filiere produttive più in difficoltà in questa fase. Sono previste inoltre liberalizzazioni per le rinnovabili e l'aumento della produzione di gas nazionale.

LEGGI ANCHE: Caro bollette, sarà maxi stangata da 38,5 mld per le famiglie italiane, l'allarme di Assoutenti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli