Italia Markets open in 5 hrs 11 mins

Condono edilizio, Sogeea: oltre 4 mln pratiche ancora da ... -6-

Mlp

Roma, 7 nov. (askanews) - Va da sé la necessità di arrestare la cementificazione selvaggia del territorio e inasprire i vincoli paesaggistici e ambientali, ma concludere l'iter delle pratiche di condono consentirebbe anche di avviare una seria campagna di demolizioni di ciò che è stato costruito in spregio delle leggi e del buon senso. Non solo. I Comuni potrebbero realizzare interventi che in certi territori possono cambiare totalmente le prospettive di vita di migliaia di cittadini: argini per fiumi e torrenti, canali di scolo per la pioggia, impianti idrovori, consolidamento della piantumazione.

Certo, molti degli enti locali dovrebbero assicurare un cambio di passo nell'evasione delle domande di condono: il ritmo mensile medio di smaltimento delle istanze tra il primo e il secondo Rapporto, quindi nel triennio 2016-2019, è stato di appena 16.708 unità. Il che vuol dire che per svuotare gli archivi italiani serviranno ancora più di 21 anni».