Italia markets open in 8 hours 47 minutes
  • Dow Jones

    34.792,67
    -323,73 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.780,53
    +19,24 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.584,08
    -57,75 (-0,21%)
     
  • EUR/USD

    1,1843
    -0,0025 (-0,21%)
     
  • BTC-EUR

    33.742,07
    +1.076,21 (+3,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    977,06
    +50,30 (+5,43%)
     
  • HANG SENG

    26.426,55
    +231,73 (+0,88%)
     
  • S&P 500

    4.402,66
    -20,49 (-0,46%)
     

Confagri E-R: irrigazione indispensabile, impennata costi

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 24 giu. (askanews) - Il clima torrido sta complicando lo svolgimento delle attività agricole nelle campagne. Tutte le colture emiliano-romagnole soffrono del repentino passaggio da una primavera fresca a un'estate di fuoco. "Mais, soia, pomodoro da industria, patate, orticole, viti e alberi da frutto necessitano di un apporto idrico costante per via di temperature elevate sia nelle ore diurne ma soprattutto in quelle notturne, accompagnate spesso da vento caldo. Le irrigazioni sono indispensabili nella fase di allegagione come pure nella fase di crescita del frutto. Ciò implica un aumento di costi per la distribuzione della risorsa idrica a scopo irriguo e per la gestione e manutenzione degli impianti - osserva Marcello Bonvicini, presidente di Confagricoltura Emilia Romagna - un aggravio di spese sempre maggiore per l'agricoltore a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Bisogna inoltre effettuare irrigazioni non abbondanti per evitare il rischio di una diffusione di patologie fungine scatenate da alti livelli di umidità e ristagni d'acqua".

L'emergenza idrica non ha risparmiato neppure i frutticoltori colpiti dalle gelate di aprile, che nonostante la scarsa o nulla produzione devono continuare a dare acqua alle piante per non compromettere l'intero impianto frutticolo.

"Attenzionare e garantire la disponibilità di risorsa idrica, in particolare nelle aree servite dagli affluenti appenninici del Po. Il climate change ci chiede di accelerare e rendere irrigui i terreni coltivati a seminativo, persino i vigneti e gli oliveti", conclude il presidente regionale di Confagricoltura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli