Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.670,89
    -48,54 (-0,14%)
     
  • Nasdaq

    15.748,77
    +61,85 (+0,39%)
     
  • Nikkei 225

    28.860,62
    +405,02 (+1,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1353
    +0,0081 (+0,72%)
     
  • BTC-EUR

    44.579,09
    -682,32 (-1,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.318,78
    +13,66 (+1,05%)
     
  • HANG SENG

    23.996,87
    +13,21 (+0,06%)
     
  • S&P 500

    4.691,63
    +4,88 (+0,10%)
     

Confagri Mantova: il settore latte rischia il tracollo

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 nov. (askanews) - Aumento improvviso e brutale dei costi produttivi per le aziende, impennata nei prezzi al consumo ma, come invece sarebbe stato lecito aspettarsi, mancanza di adeguato riconoscimento ai produttori. È questa la situazione che, negli ultimi mesi, stanno vivendo le aziende da latte, strette nella morsa di una parte di industria che, imponendo prezzi tra i 34 e i 36 centesimi al litro, le mette spalle al muro, facendo loro rischiare il tracollo. L'ennesimo grido di allarme arriva da Alberto Cortesi, presidente di Confagricoltura Mantova: "qui l'allarme forse è più contenuto, dal momento che la maggior parte del latte finisce in cooperativa, ma non possiamo rimanere indifferenti alla situazione. Una parte del mondo industriale, non tutti ed è giusto sottolinearlo, paga gli allevatori molto al di sotto dei costi produttivi, e questo è insostenibile. Se si andrà avanti così la prospettiva sarà una sola, la chiusura di molte aziende".

Torna sul tema anche Manuel Lugli, presidente della sezione latte di via Fancelli: "non c'è, da parte del mondo industriale, un adeguamento del prezzo del latte verso l'alto rispetto alle quotazioni delle Dop, del latte spot e del latte europeo. L'industria e la Gdo devono essere responsabili e parte della filiera anche nei momenti di difficoltà: siamo l'unica categoria che non può adeguare il proprio prezzo di vendita all'aumento delle materie prime. Mais e soia, per non parlare di energia e costi accessori, hanno avuto rincari impressionanti in brevissimo tempo, ma noi questi ultimi non riusciamo a recuperarli alla vendita. La situazione è intollerabile, la sopravvivenza di un intero settore è a rischio. Con il latte al di sotto di 40 centesimi al litro non copriamo i costi produttivi".

Una richiesta di aiuto è stata lanciata alla politica, prova ne sono i vari tavoli latte sorti nelle ultime settimane: "le istituzioni devono salvaguardare il produttore - prosegue Lugli - che è il primo anello della filiera. Il mondo industriale e la catena distributiva naturalmente fanno resistenza, ma senza di noi crolla l'intero sistema produttivo". "Chiediamo all'industria - aggiunge Cortesi - di tenere conto della situazione degli allevatori, e di adeguare dunque i propri prezzi. Solo così potremo camminare di pari passo e salvaguardare il nostro settore".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli