Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.852,99
    -1.245,84 (-4,60%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,04 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,57 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.751,62
    -747,66 (-2,53%)
     
  • Petrolio

    68,15
    -10,24 (-13,06%)
     
  • BTC-EUR

    47.957,90
    -4.434,09 (-8,46%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.365,60
    -89,82 (-6,17%)
     
  • Oro

    1.785,50
    +1,20 (+0,07%)
     
  • EUR/USD

    1,1320
    +0,0108 (+0,96%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    24.080,52
    -659,64 (-2,67%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.089,58
    -203,66 (-4,74%)
     
  • EUR/GBP

    0,8488
    +0,0076 (+0,91%)
     
  • EUR/CHF

    1,0440
    -0,0043 (-0,41%)
     
  • EUR/CAD

    1,4471
    +0,0296 (+2,09%)
     

Confagricoltura: costi produzione agricoli alle stelle,intervenire

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 nov. (askanews) - "I prezzi dei prodotti energetici hanno ripreso a salire e i costi di produzione delle imprese agricole rischiano di finire definitivamente fuori controllo. Dai mangimi ai fertilizzanti, abbiamo già registrato percentuali di aumento senza precedenti nell'ordine del 100%". E' l'allarme lanciato dal presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, che spiega che la situazione in atto "potrebbe avere impatto anche sulla dimensione dei prossimi raccolti. In Italia e in ambito europeo gli agricoltori stanno valutando il rinvio delle semine e la revisione delle consolidate rotazioni colturali".

"Per alcune produzioni, alla fiammata dei costi di produzione si aggiunge una difficile situazione di mercato che spinge verso il basso i prezzi all'origine. E' il caso, ad esempio, del settore suinicolo, che sconta anche la contrazione delle esportazioni europee verso il mercato cinese - evidenzia Giansanti - In pesanti difficoltà anche il comparto ortofrutticolo".

Secondo il presidente di Confagricoltura "un'inversione di tendenza non è all'orizzonte almeno fino alla prossima primavera". "La situazione è complicata per tutte le componenti della filiera agroalimentare. Per questo, - dice - lanciamo ai rappresentanti delle industrie di trasformazione e della distribuzione l'invito a sederci attorno a un tavolo per discutere su come gestire questo difficile passaggio e valutare le misure di interesse comune da chiedere al governo".

"Il potere di acquisto dei consumatori va salvaguardato, - aggiunge Giansanti - ma non può essere bloccato troppo a lungo il processo di trasferimento a valle dei costi di produzione". Confagricoltura segnala, infine, che la situazione e le prospettive dei mercati agricoli sono all'ordine del giorno del Consiglio Agricoltura dell'Unione europea, in programma il 15 novembre.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli