Italia markets closed
  • Dow Jones

    30.986,57
    +26,57 (+0,09%)
     
  • Nasdaq

    13.657,92
    +21,92 (+0,16%)
     
  • Nikkei 225

    28.546,18
    -276,11 (-0,96%)
     
  • EUR/USD

    1,2170
    +0,0025 (+0,21%)
     
  • BTC-EUR

    26.483,22
    +96,23 (+0,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,14
    +3,82 (+0,59%)
     
  • HANG SENG

    29.391,26
    -767,75 (-2,55%)
     
  • S&P 500

    3.857,51
    +2,15 (+0,06%)
     

Confcommercio e Fipe Lombardia: attenzione a imprese resti alta

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 16 dic. (askanews) - "Un nuovo provvedimento importante e positivo che questa volta include, tra gli altri, anche il comparto della ristorazione, uno tra i più duramente colpiti da crisi e calo dei fatturati". Così Confcommercio Lombardia e Fipe (la Federazione Italiana Pubblici Esercizi) Lombardia si esprimono sui nuovi contributi a fondo perduto stanziati dalla Regione con l'ulteriore estensione della misura "Si!Lombardia".

"Si tratta di un apprezzato segnale di attenzione da parte della Regione e, in particolare, degli assessori Davide Caparini e Alessandro Mattinzoli - ha commentato Confcommercio Lombardia -. Positiva, inoltre, l'inclusione di numerose filiere di commercio all'ingrosso, così come la riapertura delle precedenti finestre di presentazione delle domande che consentirà anche a chi non aveva fatto in tempo di poter richiedere i contributi a fondo perduto".

"Non dobbiamo dimenticare però che il momento è ancora drammatico. Questa nuova estensione di 'Si!Lombardia' sarà certamente una parziale boccata di ossigeno, ma resta il fatto che l'entità delle perdite per la ristorazione è elevatissima" puntualizzano Confcommercio Lombardia e Fipe Lombardia. "Per un'impresa su quattro negli ultimi mesi i fatturati sono crollati di più del 50%, e sarà così anche fino a marzo per un'impresa su tre. C'è inoltre grande preoccupazione per il possibile nuovo giro di vite sulle attività previsto nell'imminente periodo delle feste a pochi giorni dall'avvio in Lombardia della zona gialla, prospettiva che genera instabilità e incertezze sulla tenuta dell'intero comparto. Come se non bastasse, l'andamento dei consumi legati al Natale in Lombardia è fortemente negativo, con un calo di 1,6 miliardi rispetto a dicembre 2019".

"Per questo accogliamo con favore le azioni di ristoro come quella prevista da Regione Lombardia, ma ribadiamo - concludono Confcommercio Lombardia e Fipe Lombardia - che l'attenzione nei confronti delle imprese deve restare alta. Occorre garantire risposte veloci e concrete per migliaia di attività che meritano di avere una reale prospettiva di futuro".