Italia Markets open in 1 hr 48 mins
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.354,58
    +188,99 (+0,72%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,0833%)
     
  • BTC-EUR

    15.854,30
    -172,67 (-1,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    374,16
    +4,41 (+1,19%)
     
  • HANG SENG

    26.671,17
    +82,97 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Confcommercio Lombardia: aumentare aiuti, tenuta imprese a rischio

Lzp
·1 minuto per la lettura

Milano, 30 ott. (askanews) - "Bene la lettera inviata da Regione Lombardia al Presidente del Consiglio Conte che, sulla base anche delle nostre stime, chiede più flessibilità per interventi sulla spesa corrente da affiancare ai ristori del Governo". E' il commento di Confcommercio Lombardia alla missiva inviata a firma del Presidente della Regione Attilio Fontana al Governo, per sollecitare la possibilità di intervenire con nuove misure regionali a sostegno dei settori più duramente colpiti dalle nuove serrate anti-Covid. "Le misure previste dal Governo sono benvenute, ma ancora non bastano a sanare le perdite di questi mesi", sottolinea Confcommercio Lombardia. La stima della perdita in Lombardia per il solo settore della ristorazione, sottoposto al vincolo delle chiusure alle 18, è di 860 milioni ogni mese. "Ma accanto a questo - prosegue Confcommercio Lombardia - bisogna ricordare che è il terziario tutto ad essere schiacciato da una crisi senza precedenti. Parliamo, oltre che della ristorazione, degli esercizi al dettaglio, dei servizi, del comparto del turismo, e molti altri. Sono interi settori economici che rischiano la sopravvivenza, stiamo mettendo a dura prova la tenuta stessa del tessuto economico lombardo". "Nessuno vuole porre in contrasto la tutela della salute e l'economia, ma proprio per questo - rileva Confcommercio Lombardia - le imprese hanno bisogno di liquidità con interventi commisurati alla perdita reale di fatturato e, soprattutto, immediati". "Il nostro allarme è stato chiaro: è finito il tempo degli annunci - conclude Confcommercio Lombardia -. Gli imprenditori, che in questa emergenza hanno dimostrato senso di responsabilità, hanno bisogno di risposte, e ne hanno bisogno ora".