Italia Markets open in 8 hrs 11 mins

Confcommercio, a settembre indice disagio sociale in salita

Sen

Roma, 7 nov. (askanews) - Il Misery Index Confcommercio di settembre si è attestato su un valore stimato di 17,9, in aumento rispetto al dato di agosto (17,6). Lo annuncia Confcommercio spiegando che il peggioramento è stato determinato dalla componente relativa alla disoccupazione che ha più che compensato la dinamica meno sostenuta dei prezzi dei beni e dei servizi ad alta frequenza d'acquisto.

"Il peggioramento che si comincia ad intravedere nel mercato del lavoro, dopo un biennio di sostanziale stagnazione produttiva - si legge in una nota -, rappresenta un preoccupante segnale. In assenza di una svolta significativa nei prossimi mesi potremmo, infatti, assistere ad un incremento".

A settembre il tasso di disoccupazione ufficiale si è attestato al 9,9%, in aumento di tre decimi di punto rispetto ad agosto. Includendo una parte dei sottoccupati tra i disoccupati, fermo restando il complesso delle persone presenti sul mercato del lavoro, la situazione appare meno favorevole, con un tasso di disoccupazione pari all'11,4%. All'interno dei disoccupati la componente relativa ai sottoccupati segnala una stabilità in termini congiunturali ed un aumento di 18mila unità nel confronto annuo.

A settembre, dopo il ridimensionamento di agosto, le ore autorizzate di Cig, spiega Confcommercio, sono tornate a registrare, nel confronto annuo, un aumento (+51,9%). Nei primi nove mesi dell'anno si rileva un incremento del 16,3% rispetto allo stesso periodo del 2018. In termini di ore di Cig effettivamente utilizzate destagionalizzate e ricondotte a Ula si riscontra sia in termini congiunturali sia su base annua, un aumento. Dal lato degli scoraggiati a fronte di un'invarianza in termini congiunturali, nel confronto con lo stesso mese del 2018 si evidenzia una diminuzione.

Il combinarsi di queste dinamiche, conclude Confcommercio, ha portato ad un aumento del tasso di disoccupazione esteso di quattro decimi di punto su base mensile, e a una diminuzione di analoga entità nel confronto annuo.