Italia markets open in 7 hours 6 minutes

Confcooperative: green economy nuovo eldorado ... -2-

Glv

Roma, 11 feb. (askanews) - Da oggi al 2023, secondo lo studio "Smart & Green" realizzato da Censis e Confcooperative, "ogni cinque nuovi posti di lavoro creati dalle imprese attive in Italia uno sarà generato da aziende ecosostenibili. Oltre il 50% in più di quelli generati dal digitale, che non riuscirà ad andare oltre 214mila nuovi occupati, e il 30% in più di quelli prodotti dalla tutte le imprese della filiera salute e benessere, che si attesterà a quota 324mila assunzioni".

"La filiera cooperativa - ha spiegato il presidente di Confcooperative-Fedagripesca, Giorgio Mercuri - lavora da tempo per un'agricoltura più sostenibile sia con progetti volti a ridurre le emissioni di CO2, grazie a impianti di produzione di biometano, sia nell'ottimizzazione di risorse idriche con l'agricoltura di precisione, che nelle coltivazioni orticole riduce di almeno il 40% il consumo di acqua. Sosteniamo le nostre imprese nel realizzare strumenti che consentano al consumatore di misurare quanto viene fatto in termini di sostenibilità e scegliere consapevolmente i prodotti".

"Per questo - ha sottolineato Mercuri - riteniamo fondamentali politiche pubbliche che spingano verso una logica di incentivazione degli investimenti e siamo preoccupati per 'plastic tax' e 'sugar tax' prive di ogni effetto positivo sull'ambiente e che, se non opportunamente ripensate, rischiano di pregiudicare la sostenibilità economica delle nostre imprese, con implicazioni anche sui percorsi di sviluppo in termini ambientali e sociali".

"I pescatori - ha aggiunto il vicepresidente di Fedagripesca, Paolo Tiozzo - sono i veri guardiani del mare. Hanno raccolto in poco tempo plastica pari a due milioni e mezzo di cottonfioc, ben 170mila bottiglie di plastica. Il vero problema sorge nel momento in cui il rifiuto arriva in banchina e deve essere smaltito. Per molti Comuni marinari si tratta di un aggravio di costi che spesso è troppo oneroso per le loro casse. Manca un anello importante della filiera: chi ritira il rifiuto e lo conferisce in discarica".