Italia markets close in 2 hours 20 minutes
  • FTSE MIB

    22.458,34
    +76,99 (+0,34%)
     
  • Dow Jones

    30.814,26
    -177,24 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    12.998,50
    -114,10 (-0,87%)
     
  • Nikkei 225

    28.242,21
    -276,97 (-0,97%)
     
  • Petrolio

    52,34
    -0,02 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    30.527,90
    +644,39 (+2,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    714,50
    -20,64 (-2,81%)
     
  • Oro

    1.834,60
    +4,70 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,2073
    -0,0012 (-0,10%)
     
  • S&P 500

    3.768,25
    -27,29 (-0,72%)
     
  • HANG SENG

    28.862,77
    +288,91 (+1,01%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.598,89
    -0,66 (-0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8905
    +0,0018 (+0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,0754
    -0,0000 (-0,00%)
     
  • EUR/CAD

    1,5407
    +0,0034 (+0,22%)
     

Confesecenti lancia allarme: con prolungamento restrizioni a rischio 15 mld di consumi in 3 mesi

Redazione Finanza
·1 minuto per la lettura

Il 2021 non inizia bene per i consumi. Anzi, il prolungamento delle restrizioni porterà a registrare nel primo trimestre di quest’anno una spesa per consumi inferiore di 15 miliardi di euro rispetto al primo trimestre del 2020. Un colpo ulteriore ad un sistema già profondamente provato: nel 2020 la pandemia ha infatti cancellato 105 miliardi di euro di consumi, una cifra che, da sola, ha comportato una riduzione del Pil del 6,1%. E' quanto stima oggi Confesercenti. In particolare, Confesercenti spiega che la caduta dei consumi è prevalentemente determinata dalle restrizioni e dalla grande prudenza con cui le famiglie stanno affrontando l’emergenza sanitaria, su cui pesa anche l’incertezza generata dal susseguirsi continuo di nuovi provvedimenti. A pagarne lo scotto, soprattutto, le imprese del commercio, del turismo e della ristorazione, che sono state le più colpite dalla recessione pandemica con una diminuzione media del valore aggiunto del 16,2%, a fronte del -9,6% registrato dalle altre imprese. Un problema per la crescita, visto che si riduce fortemente la quota di Pil generata da questi comparti: si passa dal 6,2 al 4,4% del Pil per “Alberghi e pubblici esercizi”; dal 4,2 al 3,3% per la “Ricreazione e cultura”; dal 3,7 al 3% per l’abbigliamento. Dinamiche che evidenziano l’attuale impossibilità dei consumi interni di spingere la crescita dell’economia italiana, come hanno sempre fatto, visto che valgono il 60% del nostro Pil. "Senza una loro decisa ripresa, quindi, l’economia del Paese entrerà in una spirale discendente da cui sarà difficile uscire", avverte Confesercenti.