Italia markets open in 8 hours 50 minutes
  • Dow Jones

    30.303,17
    -633,83 (-2,05%)
     
  • Nasdaq

    13.270,60
    -355,47 (-2,61%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,01 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,2114
    -0,0055 (-0,45%)
     
  • BTC-EUR

    25.173,75
    -1.460,04 (-5,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    615,55
    -24,37 (-3,81%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,77 (-0,32%)
     
  • S&P 500

    3.750,77
    -98,85 (-2,57%)
     

Confesercenti: 150mila imprese a rischio chiusura, -110 mld consumi

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 16 dic. (askanews) - A causa del Covid, "sono a rischio chiusura 150mila imprese, 80mila nel commercio e 70mila nel turismo, nella somministrazione e nei servizi per circa 450.000 posti di lavoro in fumo". I consumi, nel frattempo, sono ai minimi storici: 110 miliardi di euro in meno rispetto allo scorso anno". A lanciare l'allarme è la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise, in occasione della relazione annuale dell'Associazione.

In alcuni comparti, "nonostante i ristori ed i sostegni, si rischia il collasso. Nel turismo, ricettività e pubblici esercizi si può già stimare una perdita annuale superiore al 50% del fatturato. Superiore al 30% nel comparto moda; per citarne solo alcuni", ha aggiunto De Luise.

La pandemia, dunque, lascia "cicatrici sul corpo della nostra economia profonde e vive". E non c'è dubbio, secondo De Luise, che "le imprese del commercio, del turismo, dei servizi siano quelle su cui, più di altre, si è abbattuto il peso della crisi pandemica".