Italia markets close in 4 hours 19 minutes
  • FTSE MIB

    26.123,97
    +270,98 (+1,05%)
     
  • Dow Jones

    34.899,34
    -905,06 (-2,53%)
     
  • Nasdaq

    15.491,66
    -353,54 (-2,23%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,92
    -467,70 (-1,63%)
     
  • Petrolio

    71,52
    +3,37 (+4,94%)
     
  • BTC-EUR

    50.487,21
    +1.842,67 (+3,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.425,14
    -30,27 (-2,08%)
     
  • Oro

    1.795,70
    +7,60 (+0,43%)
     
  • EUR/USD

    1,1297
    -0,0023 (-0,20%)
     
  • S&P 500

    4.594,62
    -106,84 (-2,27%)
     
  • HANG SENG

    23.852,24
    -228,28 (-0,95%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.133,06
    +43,48 (+1,06%)
     
  • EUR/GBP

    0,8462
    -0,0026 (-0,31%)
     
  • EUR/CHF

    1,0431
    -0,0009 (-0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,4390
    -0,0081 (-0,56%)
     

Confeuro: accelerare approvazione legge su biologico alla Camera

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 ott. (askanews) - "La transizione verde dell'agricoltura italiana sta già avvenendo, grazie a una dinamica spontanea che vede protagoniste le nostre imprese, capaci di innescare una trasformazione dal basso". Così in una nota Andrea Michele Tiso, presidente nazionale Confeuro, che sottolinea come ultimi dati sull'agricoltura biologica certifichino una crescita straordinaria nel decennio 2010-2020: più 78,9% di superficie agricola utilizzata (Sau) rispetto al 2010, per un totale di circa 2 milioni di ettari a inizio 2020. Nel complesso, è dedicata al biologico il 15% circa della superficie agricola italiana.

La legge destinata a disciplinare il settore del biologico sarà discussa alla Camera il prossimo novembre, dopo aver passato l'esame del Senato ad agosto. "Ci auguriamo - continua Tiso - che le richieste del mondo produttivo agricolo siano tradotte in norme concrete in Parlamento, affinché sia possibile apporre il sigillo definitivo a un provvedimento atteso da oltre 10 anni".

Per Confeuro c'è infatti ancora molto da fare per abbattere l'utilizzo di fertilizzanti, la cui distribuzione nell'ultimo decennio è diminuita solo dell'1,3%, e dei fitosanitari, che hanno registrato un meno 6,5% nello stesso arco temporale. Più in generale, il dato sulle emissioni del settore agricolo, rimaste ferme agli stessi livelli di dieci anni fa, merita un'analisi approfondita per comprendere quali ulteriori strumenti possono essere messi in campo per ridurre al minimo i gas a effetto serra.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli