Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.637,33
    +686,65 (+1,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Confindustria: PIL in crescita del 4,1% nel 2021, rivisto al ribasso rispetto ad ottobre

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

In graduale recupero il PIL italiano nella seconda metà di quest'anno, che porterà ad una crescita del +4,1% nel 2021 e del +4,2% nel 2022. Questo lo scenario che emerge dalle previsioni economiche di primavera del Centro Studi di Confindustria (Csc), che indica una revisione al ribasso di 0,7 punti rispetto allo scenario di ottobre, ma conferma un recupero sui livelli pre-Covid a fine 2022. Un importante contributo alla risalita del PIL, oltre alla campagna vaccinale, sarà fornito dagli effetti derivanti dalle risorse europee che spetterebbero all'Italia: secondo una simulazione econometrica senza il programma Next Generation EU il recupero del PIL sarebbe, infatti, minore di 0,7% nel 2021 e di 0,6% nel 2022.