Italia Markets close in 2 hrs 45 mins
  • FTSE MIB

    19.441,57
    +67,36 (+0,35%)
     
  • Dow Jones

    28.195,42
    -410,89 (-1,44%)
     
  • Nasdaq

    11.478,88
    -192,67 (-1,65%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    40,60
    -0,23 (-0,56%)
     
  • BTC-EUR

    10.035,82
    +640,35 (+6,82%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,12
    +5,45 (+2,33%)
     
  • Oro

    1.904,50
    -7,20 (-0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,1819
    +0,0046 (+0,3900%)
     
  • S&P 500

    3.426,92
    -56,89 (-1,63%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.230,32
    -12,19 (-0,38%)
     
  • EUR/GBP

    0,9142
    +0,0052 (+0,57%)
     
  • EUR/CHF

    1,0722
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5579
    +0,0062 (+0,40%)
     

Confindustria: preoccupa aumento contagi, recupero Pil più debole

Mlp
·1 minuto per la lettura

Roma, 10 ott. (askanews) - L'aumento dei contagi da Covid-19 rappresenta "una fonte di incertezza e di preoccupazione sulle prospettive future" con evidenti ricadute sull'economia italiana. A lanciare l'allarme è il Centro Studi di Confindustria negli ultimi Scenari economici. Da agosto "il graduale aumento del numero di nuovi contagiati, benché più contenuto rispetto a quanto osservato in altri paesi europei, rappresenta - avverte il Csc - una fonte di incertezza e di preoccupazione sulle prospettive future. Questi fattori spiegano la debolezza attesa per il Pil nel quarto trimestre del 2020, dopo il rimbalzo nel terzo". Il recupero del Pil, secondo gli economisti di Confindustria, "dovrebbe proseguire in modo graduale dal primo trimestre del 2021, a condizione che la diffusione del Covid-19 sia contenuta in maniera efficace".