Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.749,99
    +34,21 (+0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Confindustria: ripresa si è fermata, rischio Pil di nuovo in calo

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 21 nov. (askanews) - L'Italia "è a rischio di una nuova caduta in recessione a fine 2020" perchè nelle ultime settimane "peggiorano soprattutto i servizi ma anche nell'industria si è arrestata la risalita". Lo sostiene il centro studi di Confindustria (Csc), secondo cui "la domanda interna è fragile, l'occupazione si è già fermata, le imprese hanno più debito. Solo l'export era in risalita, ma la pandemia minaccia il secondo stop agli scambi mondiali". "Le recenti misure restrittive per arginare l'epidemia - spiega il Csc - inducono a stimare che nel quarto trimestre si avrà di nuovo un Pil in calo. L'impatto sull'economia italiana dovrebbe essere contenuto rispetto al crollo nel primo e secondo trimestre (-17,8%), dato che molti settori produttivi restano aperti. Questo avviene subito dopo il forte rimbalzo nel terzo (+16,1%), che aveva riportato l'attività al -4,5% dai livelli pre-Covid". L'indice Pmi dei servizi, sottolinea Viale dell'Astronomia, "segnala un ulteriore arretramento già a ottobre (46,7 da 48,8), con domanda indebolita. Dopo il recupero parziale del settore turistico fino ad agosto, a fine anno in vari segmenti le perdite saranno ancora vicine al 70% (stime Federturismo)". Nell'industria invece il Pmi a ottobre (53,8) "ha fornito ancora segnali positivi. Tuttavia, la produzione già a settembre-ottobre ha visto interrompersi il suo rapido recupero, sui livelli pre-Covid: questo potrebbe preludere a una nuova, moderata caduta nel quarto trimestre".