Italia markets close in 4 hours 44 minutes
  • FTSE MIB

    24.023,51
    +147,43 (+0,62%)
     
  • Dow Jones

    31.928,62
    +48,38 (+0,15%)
     
  • Nasdaq

    11.264,45
    -270,83 (-2,35%)
     
  • Nikkei 225

    26.677,80
    -70,34 (-0,26%)
     
  • Petrolio

    111,31
    +1,54 (+1,40%)
     
  • BTC-EUR

    27.904,19
    +210,73 (+0,76%)
     
  • CMC Crypto 200

    661,76
    +5,94 (+0,91%)
     
  • Oro

    1.853,90
    -11,50 (-0,62%)
     
  • EUR/USD

    1,0659
    -0,0079 (-0,74%)
     
  • S&P 500

    3.941,48
    -32,27 (-0,81%)
     
  • HANG SENG

    20.171,27
    +59,17 (+0,29%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.661,74
    +14,18 (+0,39%)
     
  • EUR/GBP

    0,8532
    -0,0031 (-0,36%)
     
  • EUR/CHF

    1,0275
    -0,0036 (-0,35%)
     
  • EUR/CAD

    1,3692
    -0,0065 (-0,47%)
     

Confindustria: scenario peggiorato. Pil in calo, prospettive cupe

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 23 apr. (askanews) - In uno "scenario deteriorato" per gli effetti della guerra in Ucraina, a marzo gli indicatori congiunturali confermano il "netto indebolimento" dell'economia italiana. Il conflitto "amplifica i rincari di energia e altre commodity, accresce la scarsità di materiali e l'incertezza". E' quanto stima il centro studi di Confindustria (Csc) nella consueta congiuntura flash.

"Sommandosi agli effetti dei contagi - sottolinea - ciò riduce il Pil nel primo trimestre e allunga un'ombra sul secondo: l'andamento ad aprile è compromesso e le prospettive sono cupe". Nell'industria peggiorano tutti gli indicatori, afferma il centro studi di Confindustria. A marzo si è accentuata l'erosione della fiducia delle imprese manifatturiere, già in atto da fine 2021. Il Pmi del settore è sceso ulteriormente, pur restando in area positiva (55,8 da 58,3). Gli ordini totali per la manifattura sono in flessione ancora contenuta. Dopo la volatilità di gennaio-febbraio, l'impatto del conflitto sulla produzione è atteso approfondirsi a marzo: ciò significa un calo significativo nella media del primo trimestre, che contribuisce molto alla flessione del Pil.

Nei servizi il Pmi indica rallentamento a marzo (52,1 da 52,8) e la fiducia delle imprese è in calo (99,0 da 100,4). A causa di contagi e incertezza, resta compressa la mobilità delle famiglie (per il tempo libero -16,6% nel primo trimestre dal pre-Covid), tenendo debole la domanda di servizi. Questo si somma a un recupero ancora parziale del turismo fino a febbraio (-15% i viaggi di stranieri in Italia).

L'export è atteso debole. L'export italiano cresceva prima del conflitto: +5,8% a dicembre-febbraio sui tre mesi precedenti, ben oltre i livelli pre-Covid. Buona parte dell'aumento era dovuta al rialzo dei prezzi sui mercati esteri (+2,8%). Erano in crescita le vendite nei principali mercati, Ue ed extra-Ue, e settori manifatturieri (ma ancora deboli gli autoveicoli). I primi effetti della guerra in Ucraina, però, sono già visibili negli ordini manifatturieri esteri, in forte calo a marzo.

Inoltre, aggiunge il Csc, la dinamica del commercio mondiale, già piatta a inizio anno per il calo degli scambi in Asia e l'aumento in Europa, ha prospettive negative, secondo il Pmi sugli ordini manifatturieri esteri globali, caduto a marzo (48,2 da 51,0). In uno scenario in peggioramento a causa del caro energia e delle materie prime gli interventi pubblici sono ancora "parziali", aggiunge il Csc.

"Il Governo ha finora stanziato per la prima metà del 2022 e senza ricorrere a deficit aggiuntivo circa 14 miliardi di euro - dice il Csc - 11 a sostegno di famiglie e imprese (di cui 1,2 per le grandi imprese solo per il primo trimestre) e 3 per primi interventi strutturali su gas, energie rinnovabili e a sostegno delle filiere dell'automotive e dei micro-processori". Vis

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli