Italia Markets closed

Confindustria: stagnazione, mancano investimenti e credito

Gab

Roma, 13 gen. (askanews) - Italia l'economia continua a viaggiare appena sopra lo zero. Secondo la congiuntura flash di Confindustria, si conferma anche nel 4 trimestre 2019 il persistere di una sostanziale stagnazione. L'industria è ancora in difficoltà: a dicembre gli ordini sono in parziale recupero, ma il PMI (Purchasing Managers' Index) è crollato ancor di più (46,2) e il CSC stima una produzione in calo nel trimestre. Nei servizi, invece, il PMI è salito a dicembre, in area di debole crescita (51,1).

Confindustria sottolinea come i mercati extra Ue siano "cruciali", ma mette in guardia dai rischi crescenti.

In Italia, gli investimenti non ripartono. La spesa delle imprese è attesa ancora debole, sia nel 4 trimestre 2019 che a inizio 2020. A dicembre, infatti, gli ordini interni dei produttori di beni strumentali hanno recuperato un pò e la fiducia nel manifatturiero è rimasta stabile, ma entrambi gli indicatori sono su livelli molto ridotti. Inoltre, le condizioni per investire restano piuttosto incerte.

Anche il credito è in calo. Invariato ai minimi il costo del credito per le aziende italiane (1,3% a novembre), ma il calo dei volumi di prestiti si sta ampliando pericolosamente (-1,9% annuo). L'indagine qualitativa Istat, infatti, indica che le condizioni di offerta sono state, al margine, ancora ristrette nel 4 trimestre. Si è ridotta solo di poco la quota di imprese che non ha ottenuto il credito richiesto (5,3% a dicembre).

(Segue)