Italia Markets close in 1 hr 33 mins

Confronto sul fondo per la ripresa: 'Recovery fund: c'è in gioco il futuro dell'Italia'

webinfo@adnkronos.com
·2 minuti per la lettura

Il Centro Studi Borgogna dà spazio ad uno dei temi di maggiore attualità con un incontro dal titolo: “Recovery Fund: c’è in gioco il futuro dell’Italia. Come e dove investire i fondi. Strategie per il rimborso”. Giovedì 15 ottobre, alle ore 12.00, L’Avvocato Penalista Fabrizio Ventimiglia, Presidente CSB, ospiterà nella rubrica Speakers’ Corner l’Avvocato Alessandro De Nicola, Senior Partner Studio Legale Orrick, Herrington & Sutcliffe, Presidente Adam Smith Society, oltre che editorialista de “La Repubblica”, de “La Stampa”. Trenta minuti di confronto per affrontare il tema del Fondo per la ripresa, ovvero i 750 miliardi che l’Unione europea a fine luglio ha messo sul piatto per rilanciare le economie dei 27 Paesi membri travolte dalla crisi dovuta alla diffusione del virus Covid-19 e al conseguente blocco delle attività economiche non essenziali.

Come è noto, infatti, l’Italia si appresta a ricevere circa 209 miliardi, ripartiti in 81,4 miliardi di aiuti a fondo perduto e 127,4 miliardi in prestiti, ma dovrà dimostrare di sapere come e dove investirli per agevolare la ripresa socio-economica del Paese. Infrastrutture, Scuola, Ricerca, riduzione del costo del Lavoro, sono solo alcuni dei temi sui quali l’Unione europea attende progetti chiari e concreti, che non potranno limitarsi a una “riduzione delle tasse”, come recentemente affermato anche dal Commissario europeo per l’Economia, Paolo Gentiloni

E non da ultimo, il tema della riduzione del debito pubblico italiano, che nei mesi dell’emergenza sanitaria è cresciuto costantemente fino a superare la quota record del 160% del PIL. L’incontro del Centro Studi Borgogna si prefigge dunque l’obiettivo di richiamare l’attenzione sul tema, offrendosi quale occasione di confronto, approfondimento e discussione. Sarà possibile seguire la diretta, dalle ore 12.00, sul canale Facebook e YouTube del Centro Studi Borgogna.