Italia markets close in 3 hours 22 minutes
  • FTSE MIB

    26.880,01
    +73,82 (+0,28%)
     
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    81,19
    -1,47 (-1,78%)
     
  • BTC-EUR

    52.635,41
    +1.613,95 (+3,16%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.471,15
    -3,18 (-0,22%)
     
  • Oro

    1.803,60
    +4,80 (+0,27%)
     
  • EUR/USD

    1,1596
    -0,0011 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.229,04
    +8,16 (+0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8440
    -0,0002 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0657
    +0,0009 (+0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,4330
    -0,0010 (-0,07%)
     

Consiglio Bce ha discusso di maggior riduzione ritmo acquisti 'Pepp'

·1 minuto per la lettura
Simbolo della moneta unica

FRANCOFORTE (Reuters) - In occasione dell'ultima riunione di politica monetaria del 9 settembre il consiglio Bce ha discusso di una maggiore riduzione nel ritmo degli acquisti, ritenendo però necessario mantenere in vigore un orientamento espansivo.

Lo si legge nei verbali consiglio di settembre, cha ha discusso anche della dinamica di inflazione e del programma degli acquisti 'Pepp'.

Circa quest'ultimo, una parte del consiglio era propenso a una riduzione più marcata del ritmo degli acquisti straordinari legati all'emergenza pandemica.

"Si è osservato che un'applicazione simmetrica del programma avrebbe reso necessaria una riduzione più rapida degli acquisti nell'ambito del 'Pandemic Emergency Purchase Programme'. In quest'ottica, sarebbe appropriato un andamento delle sottoscrizioni di titoli di Stato simile a quello dei primi mesi dell'anno", scrive Francoforte nelle minute diffuse oggi.

Si è alla fine convenuto su una "moderata" riduzione degli acquisti, sottolinenando che non si tratta di un 'tapering', dal momento che la dinamica dei prezzi richiede ancora il supporto della banca centrale.

In termini di inflazione, Francoforte ritiene che la recente impennata dei prezzi al consumo sia da attribuire soprattutto a fattori esogeni, e andrà quindi progressivamente rientrando senza imporre una stretta sui tassi.

(Tradotto da Alessia Pé, in redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli