Italia markets open in 7 hours 27 minutes
  • Dow Jones

    35.116,40
    +278,24 (+0,80%)
     
  • Nasdaq

    14.761,29
    +80,23 (+0,55%)
     
  • Nikkei 225

    27.641,83
    -139,19 (-0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1872
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    32.301,35
    -1.143,37 (-3,42%)
     
  • CMC Crypto 200

    928,35
    -15,09 (-1,60%)
     
  • HANG SENG

    26.194,82
    -40,98 (-0,16%)
     
  • S&P 500

    4.423,15
    +35,99 (+0,82%)
     

Consulta, Travaglio: "Preferirei il carcere che pagare multa a delinquente"

·1 minuto per la lettura

“È un falso problema, sarebbe un carcere finto, e io preferirei farmi una settimana di galera piuttosto che pagare una multa salata a un delinquente a cui magari ho fatto una critica eccessiva”. Marco Travaglio parla con l’Adnkronos della decisione che la Corte Costituzionale dovrà prendere oggi sulla legittimità della pena detentiva per la diffamazione a mezzo stampa, spiegando che “se la multa se la prende un quotidiano è possibile che il giornale fallisca, se la prende un giornalista potrebbe non lavorare più o anche dover pagare un anno di stipendio. A questo punto, preferisco la detenzione...”.

“Il tema vero – prosegue il direttore del Fatto Quotidiano - è quello di confondere l’opinione con il dire deliberatamente falsità: ma io devo poter criticare chi mi pare e questo mio diritto è maggiormente valido se chi critico sta in alto. E poi, come si permette un giudice di stabilire se la mia critica è eccessiva? L'unica cosa su cui il magistrato deve intervenire è sulle falsità. E invece, opinioni e diffamazioni le mettiamo nello stesso calderone”.

“Per quanto riguarda il reato di diffamazione – dice ancora Travaglio - dovrebbe esserci il dolo e la reiterazione perché sia tale. Un errore, una svista, può capitare e si risolve con la rettifica. Bisogna distinguere le due cose e dev’esserci gradualità anche nella pena: un fatto è se dici una cosa sbagliata e poi la correggi. Un altro è se menti reiteratamente, in maniera dolosa, se fai una campagna diffamatoria contro un galantuomo: allora sì che devi finire in galera”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli