Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,32 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -131,02 (-0,93%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,22 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    -0,14 (-0,20%)
     
  • BTC-EUR

    30.077,87
    -460,32 (-1,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -5,10 (-0,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1867
    -0,0044 (-0,37%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,67 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8592
    +0,0043 (+0,51%)
     
  • EUR/CHF

    1,0939
    +0,0020 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4784
    +0,0072 (+0,49%)
     

Consulta vs Parlamento: "Inascoltate le nostre richieste di legiferare"

·Giornalista, Huffpost
·1 minuto per la lettura
(Photo: US PALAZZO CHIGIANSA)
(Photo: US PALAZZO CHIGIANSA)

Il caso più eclatante è quello della legge (che ancora non c’è) sull’eutanasia. Ma non è il solo. Negli ultimi anni più volte la Corte costituzionale ha chiesto al legislatore di intervenire su materie non disciplinate, o che necessitavano una modifica. Di recente è successo due volte: qualche settimana con la decisione sull’ergastolo ostativo e, sebbene in termini diversi, a marzo con la sentenza sulla fecondazione assistita. C’è però un problema: il giudice delle Leggi si rivolge al legislatore, chiedendogli di svolgere niente di più che il suo compito, ma il legislatore non lo ascolta. È questo uno degli elementi che il presidente della Corte costituzionale, Giancarlo Coraggio, ha evidenziato con maggior rilievo nella sua relazione annuale sull’operato della Corte nel 2020.

I moniti rivolti alle Camere, ha sottolineato, hanno prodotto “scarsi risultati”, restando “in gran parte inascoltati”. Una sola volta il Parlamento si è fatto carico delle richieste della Corte fino in fondo: quando ha dato seguito alla richiesta “di garantire l’innalzamento del fondo per gli invalidi civili totali titolari di pensione di inabilità, a decorrere dal diciottesimo anno di età”. Le parole di Coraggio, che in un certo senso richiamano il legislatore al suo dovere, arrivano proprio all’indomani dell’incontro tra il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e i presidenti delle Camere. Da quanto è trapelato, il Capo dello Stato ha sottolineato con Roberto Fico ed Elisabetta Casellati l’importanza dei fondi del Recovery. E li ha messi in guardia dal rischio di non riuscire ad averli per ritardi, anche normativi. Le Camere, dunque, vengono sollecitate a essere più veloci. A rispettare i tempi, imposti dall’Ue o, come nei casi citati prima, dalla Corte costituzionale.

“Il legi...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli