Italia markets close in 7 hours 23 minutes
  • FTSE MIB

    26.272,83
    +4,21 (+0,02%)
     
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.215,52
    +190,06 (+0,65%)
     
  • Petrolio

    83,20
    +0,76 (+0,92%)
     
  • BTC-EUR

    53.462,48
    -140,81 (-0,26%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.455,09
    +3,46 (+0,24%)
     
  • Oro

    1.783,40
    +17,70 (+1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1656
    +0,0038 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    25.761,48
    +351,73 (+1,38%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.154,37
    +2,97 (+0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8455
    -0,0001 (-0,02%)
     
  • EUR/CHF

    1,0727
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,4358
    -0,0006 (-0,04%)
     

Consumi, a fine settembre si consolida trend di fiducia

·1 minuto per la lettura

Il 2021 si è aperto con un certo pessimismo sul fronte dei consumi che registra un’inversione di rotta con l’inizio della primavera, in concomitanza con il rafforzamento della copertura vaccinale e con la crescita di fiducia nelle istituzioni. E' quanto emerge dall’indagine sui consumi 2021 realizzata da Ey e Swg. Trend di fiducia che si è ulteriormente consolidato a fine settembre pur con zone d’ombra dovute a un certo livello di incertezza rispetto al futuro.

Per quanto attiene ai comportamenti di acquisto, rispetto a settembre 2020 si consolida l’importanza dell’online e si evidenzia la contemporanea crescita sia della tendenza ad andare in centri commerciali (+19%) sia dell’utilizzo dei piccoli negozi di quartiere (+26%). L’acquisto online ha come driver centrali la comodità e la semplicità del processo (dalla scelta dei prodotti alla consegna), quello in store è centrato sulla relazionalità (con la merce, le persone e il territorio).Nel prossimo semestre le intenzioni di spesa sembrano mostrare una crescita della propensione a rinnovare casa (30%), e mezzi di trasporto (23%) e verso investimenti di tipo finanziario (26%).

Nel rapporto con il brand invece la percezione della eticità dei comportamenti è sempre più rilevante: etica aziendale che si esprime in primo luogo nel rispetto dei consumatori, attraverso l’offerta di prodotti di qualità (46%) al giusto prezzo (45%) e, a cascata, nel rispetto di dipendenti, fornitori e all’ambiente (34%). Secondo Paolo Lobetti Bodoni, EY Consulting Market Leader in Italia, "le aziende sono chiamate a rispondere a domande chiave per trasformare le proprie strategie di business" e in quest'ottica "seguire i nuovi trend di consumo significa investire in una trasformazione di natura strutturale, a partire dalla ridefinizione della propria identità.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli