Italia markets close in 7 hours 37 minutes
  • FTSE MIB

    22.173,60
    +112,62 (+0,51%)
     
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,92 (+1,34%)
     
  • Petrolio

    45,53
    +0,19 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    16.255,72
    +4,71 (+0,03%)
     
  • CMC Crypto 200

    383,21
    +18,61 (+5,10%)
     
  • Oro

    1.795,40
    +14,50 (+0,81%)
     
  • EUR/USD

    1,1986
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.518,90
    +26,36 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8939
    -0,0010 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0851
    +0,0019 (+0,17%)
     
  • EUR/CAD

    1,5512
    -0,0001 (-0,01%)
     

Consumi sempre più giù: a ottobre il calo peggiora a -25%, maglia nera è il travel

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

I consumi continuano a diminuire in Italia, segnando a ottobre una flessione peggiore dei mesi precedenti, complici le restrizioni adottate nel mese dei ristoranti, bar e negozi non alimentari oltre che dei centri commerciali nei week-end. Secondo l’Osservatorio permanente Confimprese-EY, i consumi sono scesi a ottobre del 24,7% rispetto allo stesso mese del 2019, contro un -13,5% di settembre. Ancora in sofferenza la ristorazione a -27,2%, male anche l’abbigliamento con -26,5%, mentre il non food contiene i danni con un -12,2%. Il settore Travel indossa la maglia nera con un -64,6% nel mese. Continua, dunque, la desertificazione di aeroporti e stazioni per effetto della mancanza del turismo straniero e dell’indotto nel commercio, nei bar e ristoranti, che si riflettono di conseguenza sull’intera filiera. Nei trend per regioni la Campania è la più negativa con -31,5%, mentre Firenze si riprende lo scettro di peggiore città con -42,8%. Le rilevazioni della flash survey del Centro studi Confimprese sui primi 15 giorni di novembre anticipano un -46,7% nella ristorazione e un -48% nell’abbigliamento.