Italia markets open in 1 hour 38 minutes
  • Dow Jones

    35.061,55
    +238,15 (+0,68%)
     
  • Nasdaq

    14.836,99
    +152,39 (+1,04%)
     
  • Nikkei 225

    27.840,05
    +292,05 (+1,06%)
     
  • EUR/USD

    1,1784
    +0,0014 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    32.545,99
    +3.126,12 (+10,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    918,82
    +125,08 (+15,76%)
     
  • HANG SENG

    26.447,06
    -874,92 (-3,20%)
     
  • S&P 500

    4.411,79
    +44,31 (+1,01%)
     

Consummo suolo, in Puglia in 15 anni +37% impianti fotovoltaici

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 19 lug. (askanews) - Mangiati in 15 anni in Puglia 157.718 ettari di suolo, uno dei dati più negativi d'Italia, con le forme di consumo indagate riferite ai nuovi impianti fotovoltaici installati a terra che hanno assorbito il 37% del suolo consumato in Puglia in un anno tra il 2019 e il 2020. E' quanto emerge dall'analisi di Coldiretti Puglia, in base al nuovo rapporto sul "Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici".

"In un anno la Puglia ha perso altri 493 ettari di suolo per colpa della cementificazione, dell'abbandono e degli impianti fotovoltaici a terra che sottraggono terreni fertili all'agricoltura e pezzi di ambiente e paesaggio alla collettività. La Puglia è stata già abbondantemente violentata da una presenza invasiva di specchi e pale eoliche, sulla cui utilità per la produzione di energia pulita non si discute. Ciò che invece si scontra con le grandi potenzialità agroalimentari e turistiche dei nostri territori è la collocazione selvaggia di tali impianti e del fotovoltaico a terra che sfrutta terreni agricoli di qualità e compromette la fruibilità turistica e paesaggistica delle aree interessate", denuncia il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Coldiretti Puglia sollecita una legge che metta freno all'impianto selvaggio e che destini al fotovoltaico aree e siti idonei come zone marginali, capannoni dismessi, cave in disuso, tetti di stalle e aziende agricole, coniugando la necessaria transizione ecologica con la tutela del settore agricolo e agroalimentare, del paesaggio e del turismo pugliese.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli