Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.534,57
    -451,13 (-1,96%)
     
  • Dow Jones

    33.794,96
    -204,08 (-0,60%)
     
  • Nasdaq

    12.735,14
    -230,20 (-1,78%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,33
    -11,77 (-0,04%)
     
  • Petrolio

    91,47
    +0,97 (+1,07%)
     
  • BTC-EUR

    21.481,78
    -1.966,63 (-8,39%)
     
  • CMC Crypto 200

    513,35
    -28,25 (-5,22%)
     
  • Oro

    1.763,30
    -7,90 (-0,45%)
     
  • EUR/USD

    1,0042
    -0,0050 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    4.239,22
    -44,52 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    19.773,03
    +9,12 (+0,05%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.730,32
    -47,06 (-1,25%)
     
  • EUR/GBP

    0,8488
    +0,0035 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    0,9628
    -0,0021 (-0,22%)
     
  • EUR/CAD

    1,3033
    -0,0028 (-0,21%)
     

Consumo di vegetali: per 7 su 10 alternativa da prodotti plant-based

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 20 lug. (askanews) - Sette italiani su 10 considerano i prodotti a base vegetale un'alternativa da portare in tavola per aumentare il consumo giornaliero di verdure. Per il 34% di loro sono anche un modo per diversificare l'alimentazione e invogliare a consumare proteine green anche i più diffidenti, come i bambini. A dirlo Unione italiana food, gruppo prodotti a base vegetale, sulla base di una survey condotta da Bva-Doxa che fotografa l'evoluzione dei consumi degli italiani in fatto di alimenti vegetali.

Italiani che non sono particolarmente virtuosi, stando ai dati. Nel nostro Paese, infatti, nonostante la dichiarata crescente sensibilità per gli stili di vita sani, secondo l'Eurostat, solo uno su 10 mangia i 400 grammi di frutta e verdura suddivisi in cinque porzioni giornaliere raccomandati dall'Oms. Un dato al di sotto della media del resto d'Europa e per giunta in lieve flessione negli ultimi anni.

"È ormai ampiamente dimostrato che seguire una dieta ricca di frutta e verdura, così come di cereali integrali e legumi, sia importante nel mantenimento di un generale stato di salute del nostro organismo. Il World cancer research fund (WCRF) infatti consiglia di assumere quotidianamente questo genere di alimenti e di distribuirne il consumo in almeno 5 porzioni nella giornata - evidenzia Lucilla Titta, biologa nutrizionista e ricercatrice presso l'Istituto Europeo di Oncologia-IEO di Milano - I vantaggi per la salute sono ormai documentati da diversi studi scientifici che attribuiscono a questi gruppi alimentari un ruolo protettivo nei confronti di numerose patologie croniche. Il consumo quotidiano di frutta e verdura consente inoltre di integrare l'apporto di fibra, di diminuire l'apporto energetico del pasto e di apportare sali minerali, vitamine e fitocomposti". Vitamina C, betacarotene e folati sono solo infatti alcuni dei micronutrienti contenuti in frutta e verdura, di fondamentale importanza per il benessere dell'organismo e per la prevenzione di malattie croniche quali cancro, diabete, malattie cardiocircolatorie e obesità.

I prodotti a base vegetale, presenti ormai in molte categorie merceologiche (bevande, burger, polpette, prodotti al cucchiaio con fermenti lattici, gelati, dessert, salse, condimenti, e così via), hanno un elevato contenuto di servizio che agevola il consumo di vegetali, base della dieta mediterranea. Consentono, infatti, di superare le barriere dovute alla rapida deperibilità dei prodotti freschi (soprattutto in estate), alla necessità di approvvigionamento frequente, ai tempi di pulizia e preparazione.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli