Italia markets close in 6 hours 57 minutes
  • FTSE MIB

    26.519,52
    -99,73 (-0,37%)
     
  • Dow Jones

    34.168,09
    -129,61 (-0,38%)
     
  • Nasdaq

    13.542,12
    +2,82 (+0,02%)
     
  • Nikkei 225

    26.170,30
    -841,03 (-3,11%)
     
  • Petrolio

    87,10
    -0,25 (-0,29%)
     
  • BTC-EUR

    32.630,07
    -1.351,23 (-3,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    834,20
    -21,61 (-2,52%)
     
  • Oro

    1.813,40
    -16,30 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,1201
    -0,0044 (-0,39%)
     
  • S&P 500

    4.349,93
    -6,52 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    23.807,00
    -482,90 (-1,99%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.125,00
    -39,60 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8343
    -0,0005 (-0,06%)
     
  • EUR/CHF

    1,0379
    -0,0006 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4199
    -0,0034 (-0,24%)
     

Contagi Omicron non fermano le Borse

·2 minuto per la lettura

Le quotazioni dei principali indici di Borsa a livello globale hanno proseguito i rialzi della scorsa settimana, con l’S&P 500 che ha aggiornato i top storici. I mercati sono entrati nell’ultima settimana dell’anno, periodo solitamente accompagnato da bassi volumi e da una attività ridotta di trading. Nel frattempo, continuano le preoccupazioni in merito all’avanzata dei contagi causata dalla variante Omicron del Covid-19. Anche se gli ultimi studi sembrano confermare la minore pericolosità di questo ceppo rispetto ai precedenti, l’alto tasso dei contagi potrebbe comunque portare i reparti ospedalieri a riempirsi, provocando quindi nuove misure restrittive. La corsa delle infezioni ha penalizzato le compagnie del comparto aereo, che si sono trovate costrette ad annullare migliaia di voli negli scorsi giorni a causa dei contagi tra gli equipaggi. Nel frattempo, è interessante evidenziare come il mercato obbligazionario globale stia per mettere a segno l’anno peggiore dal 1999, in un contesto in cui i bond sono penalizzati dall’aumento dell’inflazione: l’indice di Barclays Global Aggregate Bond, che conta 68.000 dollari di debito corporate e governativo, sta segnando un -4,8%. Lato materie prime è da monitorare il ribasso del gas naturale europeo, che in quattro sedute ha visto le quotazioni dimezzarsi di valore: secondo le indiscrezioni di stampa, almeno 25 navi che trasportano gas liquefatto USA stanno raggiungendo l’Europa. Da segnalare un nuovo studio del Centre for Economics and Business Research secondo cui se la corsa dell’inflazione dovesse proseguire, potrebbe causare una recessione tra il 2023 e il 2024.

I MARKET MOVER

La giornata di oggi vedrà gli investitori concentrati sulle rilevazioni macroeconomiche previste per il territorio statunitense. Dopo le misurazioni sulle vendite al dettaglio in Spagna, saranno pubblicati i dati sugli indici dei prezzi delle case elaborati da S&P Case-Shiller di ottobre. Le attenzioni saranno poi rivolte agli indici manifatturieri e dei servizi elaborati dalla Fed di Richmond.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli