Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.881,34
    -164,90 (-0,55%)
     
  • Nasdaq

    12.073,25
    +36,47 (+0,30%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1923
    +0,0027 (+0,23%)
     
  • BTC-EUR

    15.921,51
    -272,01 (-1,68%)
     
  • CMC Crypto 200

    376,49
    +5,98 (+1,61%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    3.628,49
    -6,92 (-0,19%)
     

Conte alla Camera: "Situazione diversa da marzo, ma critica"

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
Giuseppe Conte (Johanna Geron, Pool via AP)
Giuseppe Conte (Johanna Geron, Pool via AP)

"L'Italia è oggi in una situazione ben diversa rispetto a quella del mese di marzo, anche se anche questa situazione si sta rivelando molto critica". È quanto ha dichiarato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte illustrando alla Camera il Dpcm del 18 ottobre per contrastare l’aumento dei contagi da coronavirus.

"Saremo pronti a intervenire nuovamente se necessario - ha proseguito -. Siamo ancora dentro la pandemia e il costante aumento dei contagi ci impone di tenere l'attenzione altissima: stavolta però, forti dell'esperienza della scorsa primavera, dovremo adoperarci, rimanendo vigili e prudenti".

E ancora, in riferimento al coprifuoco in Lombardia, Campania e Lazio: "Molte Regioni si sono già attivate per promuovere la procedura per pervenire a misure più restrittive rispetto a quelle contenute nel Dpcm".

VIDEO - Coronavirus, Sala "coprifuoco non è follia"

La scuola: ingressi scaglionati alle superiori

Per quanto riguarda la situazione scolastica, il premier ha detto che "solo per le scuole secondarie di secondo grado sono previste modalità ancora più flessibili di organizzazione dell'attività didattica, e la ministra Azzolina presiederà perché questo avvenga, che contemplano ingressi degli studenti scaglionati, a partire dalle 9, con possibilità di ricorrere anche ai turni pomeridiani".

"Come ho già ricordato - ha continuato il premier - le attività scolastiche continueranno in presenza. Non possiamo permetterci che uno dei principali assi portanti del Paese, dove sono riposte le migliori garanzie di un futuro migliore, possa subire ulteriori compromissioni, ulteriori sacrifici".

VIDEO - Scuola, Sala "La didattica a distanza adesso è una sconfitta"

5 miliardi di euro per la cassa integrazione

E ha concluso: "I contraccolpi della crisi sono ancora forti e non è possibile, in questa fase, dismettere la rete di protezione disposta sin dall'inizio della crisi in favore dei lavoratori e delle imprese. È per questa ragione che rifinanziamo con 5 miliardi un nuovo e ulteriore ciclo della cassa integrazione, prevedendo la gratuità della cassa integrazione per le imprese che hanno registrato perdite oltre una soglia predeterminata".

VIDEO - Come cambia la cassa integrazione in deroga