Italia markets close in 7 hours 59 minutes
  • FTSE MIB

    24.378,22
    -17,79 (-0,07%)
     
  • Dow Jones

    34.269,16
    -473,66 (-1,36%)
     
  • Nasdaq

    13.389,43
    -12,43 (-0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • Petrolio

    65,69
    +0,41 (+0,63%)
     
  • BTC-EUR

    47.163,84
    +1.072,73 (+2,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.551,29
    +1.308,61 (+539,24%)
     
  • Oro

    1.834,40
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2142
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.152,10
    -36,33 (-0,87%)
     
  • HANG SENG

    28.137,90
    +124,09 (+0,44%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.942,69
    -3,37 (-0,09%)
     
  • EUR/GBP

    0,8582
    -0,0008 (-0,09%)
     
  • EUR/CHF

    1,0979
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4669
    -0,0023 (-0,16%)
     

Conte: "Iniziamo a vedere il traguardo, c'è pressione. Superlega? La UEFA rifletta"

Omar Abo Arab
·3 minuto per la lettura

Serata storta per l'Inter che non va oltre l'1-1 in casa dello Spezia. Un pari firmato Farias-Perisic che permette comunque ai nerazzurri di guadagnare un punto sul Milan sconfitto dal Sassuolo e che, ai microfoni di Sky Sport, Antonio Conte ha commentato così.

Antonio Conte e Marcelo Brozovic | Soccrates Images/Getty Images
Antonio Conte e Marcelo Brozovic | Soccrates Images/Getty Images

Si parte da un messaggio per Goran Pandev.
"Non smettere, hai ancora tanto da dare al calcio".

Ma tu lo volevi all'Inter?
"Sì, era un'ipotesi. Me lo hanno detto i miei dirigenti".

Che valore dai a questo punto in chiave Scudetto? Ti rendi conto che il pallone pesa sempre più man mano che si avvicina l'obiettivo?
"Inevitabile sentire la pressione, ricordiamo che tanti giocatori lottano per la prima volta per qualcosa d'importante ma lo stanno facendo bene. Oggi se avessimo vinto non avremmo rubato niente; abbiamo giocato un'ottima partita, di intensità. Dovevamo essere più qualitativi nell'ultimo passaggio ma la partita è stata fatta bene, con le giuste geometrie. Va bene così, a me interessa che ci sia la prestazione e che i ragazzi siano sul pezzo. Il traguardo inizia a vedersi e la pressione è inevitabile, ma ci conviviamo da inizio anno. Ora dobbiamo recuperare bene perché domenica ci aspetta una gara molto fisica col Verona" si legge su Fcinternews.it.

La "gioia" al gol di Perisic | Gabriele Maltinti/Getty Images
La "gioia" al gol di Perisic | Gabriele Maltinti/Getty Images

Il lavoro in questi giorni è stato più complicato per le distrazioni?
"Abbiamo lavorato solo per un giorno dopo il Napoli, è stato un lavoro bello concentrato. Abbiamo sentito le notizie, era inevitabile".

Che opinione hai sulla questione Super League?
"Da uomo di sport penso che non bisogna mai dimenticare le tradizioni, perché appartengono alla storia e vanno mantenute. Ci deve essere passione nello sport, e poi lo sport deve essere meritocratico. Noi lavoriamo per cercare di vincere o di guadagnarci qualcosa. La meritocrazia va sempre al primo posto, però è giusto che anche la Uefa rifletta su tutto questo: loro prendono tutti i diritti e riservano una piccola parte alle partecipanti. Invece devono fare una grande riflessione, i club mettono i giocatori che vengono spremuti come limoni e alla fine chi ci rimettono sono le società. La Uefa deve pensare che i club debbano essere premiati in maniera più congrua, sono le società a investire su giocatori, allenatori e tutto quanto".

La delusione di Lukaku | Gabriele Maltinti/Getty Images
La delusione di Lukaku | Gabriele Maltinti/Getty Images

Però ci sono club coi bilanci a posto che fanno ottimi risultati.
"Sì, ma al di là del risultato. Se prendi dieci e dai tre ai club, non è giusto. Sono i club che mettono soldi, la proporzione va cambiata per me".

Questa storia può creare una dialettica diversa nel mondo del calcio?
"Non ho fatto grandi riflessioni sulle formule. Le Coppe Europee vanno giocate da chi ne prende il diritto in ambito nazionale, poi il numero delle squadre non è qualcosa che spetta a me dirlo. Però il merito sportivo va prima di tutto, altrimenti si perde il sale dello sport, diventa difficile coglierne il significato. La meritocrazia al primo posto, però gli organismi comincino a riflettere sul fatto che i club abbiano una fetta poco poco più congrua".

Segui 90min su Instagram per restare aggiornato sulla Serie A