Italia markets open in 7 hours 10 minutes
  • Dow Jones

    30.924,14
    -345,95 (-1,11%)
     
  • Nasdaq

    12.723,47
    -274,28 (-2,11%)
     
  • Nikkei 225

    28.525,58
    -404,53 (-1,40%)
     
  • EUR/USD

    1,1967
    -0,0011 (-0,10%)
     
  • BTC-EUR

    39.264,84
    -3.435,96 (-8,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    940,23
    -46,98 (-4,76%)
     
  • HANG SENG

    29.236,79
    -643,63 (-2,15%)
     
  • S&P 500

    3.768,47
    -51,25 (-1,34%)
     

Conte punta al mandato esplorativo. Poi, trattativa con Renzi

Pietro Salvatori
·Giornalista politico, Huffpost
·2 minuto per la lettura
ANSA/ALESSANDRO DI MEO (Photo: ANSA/ALESSANDRO DI MEO)
ANSA/ALESSANDRO DI MEO (Photo: ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Prima un mandato esplorativo, poi sedersi nuovamente al tavolo con Matteo Renzi. La road map di Giuseppe Conte è obbligata, il paniere dei responsabili langue, quota 156 raggiunta al Senato la scorsa settimana non solo non aumenta, ma rischia anche di diminuire con il passare dei giorni. Il premier ha passato la giornata a Palazzo Chigi, tessendo una tela nella quale al momento nessuno ancora è caduto, le voci di due arrivi nel nuovo gruppo “Europeisti” formato a Palazzo Madama per il momento rimangono tali, come quelle dei giorni scorsi e di quelli ancora prima.

La strada è in salita, la notizia è che ci sia ancora una strada. Si inerpica per passaggi che un po’ dipendono dal premier, un po’ da come si stabilizzerà il magma dei partiti, un po’ dalle valutazioni del Quirinale. Eccola: Conte si è assicurato l’appoggio dei tre partiti che sono rimasti in maggioranza e dalla nuova pattuglia di responsabili, che andranno al Colle chiedendo un incarico per l’avvocato di Volturara. Basterebbero tre o quattro volenterosi dell’ultima ora per raggiungere una sia pur estremamente teorica maggioranza di 161. Ma per come si sono messe le cose sarebbe sufficiente avvicinarvisi il più possibile. Nell’impossibilità, stando così le cose, di altre maggioranze alternative, il premier confida che gli sia affidato un mandato esplorativo,, con il quale ridiscendere dal Quirinale e provare a trattare da una posizione di maggior forza un allargamento della maggioranza. Sia con i gruppi del centrodestra per i quali la leadership salviniana è indigesta, sia con la stessa Iv.

“È normale che se adesso la capacità attrattiva di Conte è molto bassa, in caso di un nuovo incarico potrebbe aumentare sensibilmente. In quel caso parleremmo concretamente di ministeri da assegnare e poltrone da distribuire”, spiega un dirigente del Movimento...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.