Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.862,58
    -183,66 (-0,61%)
     
  • Nasdaq

    12.057,54
    +20,76 (+0,17%)
     
  • Nikkei 225

    26.296,86
    +131,27 (+0,50%)
     
  • EUR/USD

    1,1910
    +0,0014 (+0,12%)
     
  • BTC-EUR

    15.941,98
    -251,54 (-1,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    376,69
    +6,17 (+1,67%)
     
  • HANG SENG

    26.669,75
    +81,55 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    3.625,37
    -10,04 (-0,28%)
     

Arriva l'annuncio del premier Conte: “Prime dosi di vaccino a inizio dicembre”

Antonio Cardarelli
·1 minuto per la lettura
Arriva l'annuncio del premier Conte:  <br />“Prime dosi di vaccino a inizio dicembre”
Arriva l'annuncio del premier Conte:
“Prime dosi di vaccino a inizio dicembre”

Ai primi di dicembre possibile la distribuzione del vaccino messo a punto da Università di Oxford, AstraZeneca e Irbm di Pomezia, ora giunto alla fase tre

Prime dosi del vaccino entro dicembre. A dirlo è il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervistato nell’ultimo libro di Bruno Vespa. Una nuova concreta speranza, dunque, per combattere in modo definitivo la battaglia contro il coronavirus.

ULTIME FASI

“Se le ultime fasi di preparazione (il cosiddetto 'rolling value') del vaccino Oxford-Irbm Pomezia-Astrazeneca saranno completate nelle prossime settimane, le prime dosi saranno disponibili all'inizio di dicembre”, ha spiegato Conte.

DUE-TRE MILIONI DI DOSI

Lo stesso presidente del Consiglio ha poi aggiunto: "Già all'inizio avremo i primi due o tre milioni di dosi. Altri milioni ci arriveranno subito dopo. La Commissione europea ha commissionato ad AstraZeneca e ad altre società alcune centinaia di milioni di dosi. Penso che per contenere completamente la pandemia dovremo aspettare comunque la prossima primavera”.

ITALIA E REGNO UNITO

Si tratta, nello specifico, dello stesso vaccino che anche il governo britannico si prepara a distribuire intorno a Natale, operazione per la quale sta già addestrando migliaia di addetti del servizio sanitario nazionale. Il vaccino che dovrebbe essere distribuito in Italia e nel Regno Unito è quello ideato dall’Università di Oxford e AstraZeneca in collaborazione con l’Irbm di Pomezia. Arrivato alla fase tre, i risultati fino a questo punto sono molto incoraggianti.