Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.408,16
    +292,65 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Conte: "Zona rossa in tutta Italia se arriva un'impennata o una variante"

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Olivier Hoslet, Pool via AP)
(Olivier Hoslet, Pool via AP)

A 'Porta a Porta' il premier Giuseppe Conte ha fatto il punto sulla pandemia, mettendo in chiaro che "se gli esperti ci dicono che la probabilità di una terza ondata a gennaio è concreta, non ci penso due volte a introdurre e rafforzare la rete di protezione per il periodo natalizio. Lasciando correre impatteremo su una impennata" della pandemia.

Ha poi spiegato: "Con le misure rafforzate per Natale se non arriva una variante o una terza ondata probabilmente ci muoveremo tra zona gialla e arancione" e potremo restare "con una certa tranquillità in attesa di realizzare il piano vaccinale. Se arriva una impennata, o una variante, ci troveremo in zona rossa e con misure più restrittive".

VIDEO - Covid, vittime dei parenti fanno causa a governo nazionale e lombardo

"Ora spunta una variante inglese che corre molto più veloce, di uno 0.70 in più e spiegherebbe molte cose - ha aggiunto - Non voglio avanzare ipotesi, in Veneto i dati stanno crescendo, dobbiamo capire come e perché".

Riguardo al vaccino contro il Covid-19, il premier ha detto che "non c'è ragione di credere che le persone non si sottopongano volontariamente" al vaccino. Non c'è "l'ipotesi in cui non riuscissimo a realizzare il piano secondo previsioni, con 10-15 milioni di persone, che inizi a dare un impatto significativo, dovremmo arrivarci ad aprile. Se ci fosse un rifiuto di massa sarebbe un problema, un caso scuola".

VIDEO - Covid, cos'è la variante inglese?