Italia markets open in 2 hours 16 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.657,41
    +90,37 (+0,38%)
     
  • EUR/USD

    1,1850
    +0,0021 (+0,18%)
     
  • BTC-EUR

    10.334,71
    +987,31 (+10,56%)
     
  • CMC Crypto 200

    245,94
    +7,02 (+2,94%)
     
  • HANG SENG

    24.747,93
    +178,39 (+0,73%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Continental: italiani meno sicuri al volante, soprattutto over 65

Lzp
·1 minuto per la lettura

Milano, 7 ott. (askanews) - Gli italiani si sentono meno sicuri al volante rispetto allo scorso anno. E' quanto emerge dall'Osservatorio Continental su mobilità e sicurezza che evidenzia come rispetto al 2019 sia scesa del 12%, attestandosi al 75%, la percentuale di chi si sente sicuro delle proprie capacità e di sé stesso mentre è alla guida. Tra i meno "tranquilli" troviamo gli over 65, gli stessi che in emergenza Covid-19 hanno ripreso a guidare le loro autovetture al fine di evitare i mezzi pubblici o in sharing. L'elemento più importante per garantire sicurezza stradale, come lo scorso anno, viene ricondotto alla figura del guidatore (48,8%). Seguono poi i freni (10,2%), i sensori e i sistemi di guida assistita (8,8%, menzionati in particolare dai motociclisti), le cinture di sicurezza (8,1%, menzionate soprattutto dagli autisti di professione) e gli pneumatici (6,7%). In particolare il 96,4% attribuisce agli pneumatici una forte importanza sul piano della sicurezza stradale e oltre l'85% dichiara di prestarvi molta attenzione (soprattutto uomini, di età compresa tra i 45 e i 64 anni, residenti nel Sud e in aree periferiche).