Italia markets open in 8 hours 43 minutes
  • Dow Jones

    34.382,13
    +360,73 (+1,06%)
     
  • Nasdaq

    13.429,98
    +304,98 (+2,32%)
     
  • Nikkei 225

    28.084,47
    +636,47 (+2,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2151
    +0,0066 (+0,55%)
     
  • BTC-EUR

    37.901,98
    -2.460,32 (-6,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,33
    +39,77 (+2,93%)
     
  • HANG SENG

    28.027,57
    +308,87 (+1,11%)
     
  • S&P 500

    4.173,85
    +61,35 (+1,49%)
     

Continua l’Altalena sul Mercato: Salgono le Obbligazioni e Scendono le Azioni

Marco Bernasconi
·6 minuto per la lettura

A Wall Street si dice:
“Non è tanto importante comprare al prezzo più basso possibile quanto comprare al momento giusto.”

Nell’ultima sessione a Wall Street, l’SP 500 è sceso del -0,02%. Gli indici azionari statunitensi hanno iniziato la settimana leggermente negativi. L’S&P 500 ha chiuso leggermente al di sotto del livello record che aveva raggiunto venerdì. I settori penalizzati sono stati il tecnologico, il settore delle comunicazioni e dell’energia, controbilanciati da molti titoli come banche e aziende che basano i profitti direttamente sulla spesa dei consumatori, come Nike e Chipotle.

I rendimenti obbligazionari ieri sono risaliti. La settimana passata erano invece stati in ribasso. Il focus degli investitori era ieri sulla ripresa economica e sui rischi di un’inflazione più alta sia per i consumatori che per le aziende. Queste sono le stesse preoccupazioni che hanno contribuito a spingere in alto i rendimenti obbligazionari fin dall’inizio del 2021.

I settori del S&P 500 che sono stati maggiormente acquistati nell’ultima sessione di borsa sono stati:

  • Beni non essenziali

  • Immobiliare

  • Beni essenziali

I settori del S&P 500 che sono stati maggiormente venduti nell’ultima sessione di borsa sono stati:

  • Information Technology

  • Communication Services

  • Energetico

La flessione di ieri ha interrotto una serie di tre giorni di chiusure con il segno positivo per l’indice S&P 500, che aveva chiuso la scorsa settimana con il suo record storico.

Continua questo tira e molla sul mercato indeciso tra capire quanto sarà forte l’economia e per quanto durerà. I livelli dei 3 maggiori indici americani dopo l’ultima sessione di borsa sono:

  • L’S&P 500 è sceso di 0,81 punti a 4.128,00 per un -0,02%.

  • Il Dow Jones è sceso di 55,20 punti a 33.745,40 per un -0,16%.

  • Il Nasdaq ha perso 50,20 punti, o -0,36%, a 13.850,00.

L’indice Russell 2000 rappresentativo delle small-cap ha perso il -0,40%, chiudendo a 2.233,78. L’indice è cresciuto del 13,10% quest’anno, molto più dell’indice S&P 500, che è salito dell’9,9%.

Il settore dei titoli tecnologici, quando l’obbligazionario sale, tira il freno a mano.
Apple è scesa dell’1,3% e Alphabet/ Google è scesa dell’1,1%.

In giornate come queste si vede chiaramente il denaro uscire dai titoli tecnologici e dirigersi verso altri settori che potrebbero tornare a fare utili quando l’economia si riprenderà. L’aumento dei rendimenti obbligazionari continua a provocare il fatto che i valori dei titoli tecnologici sembrino adesso al mercato diventati cari dopo molti mesi di grandi guadagni.

Il rendimento del Treasury degli Stati Uniti a 10 anni, che influenza direttamente i tassi di interesse sui mutui e sui prestiti, è salito all’1,67%. Venerdì aveva chiuso all’1,66%, il massimo durante la settimana passata era stato dell’1,75%.

Continua l’altalena sul mercato, salgono le obbligazioni e scendono le azioni.

La mia opinione su come affrontare i mercati azionari e sull’operatività sugli indici è nota.
Alla domanda se temo che i mercati essendo così alti possono ritracciare e correggere, rispondo:
“Certo sarebbe una cosa spiacevole, ma i mercati sono questo. Ondate di crescita, cali più o meno inaspettati, mercato laterale. La strategia di coloro che decidono di uscire dal mercato temendo un ribasso e a causa di questo sono fuori da molti mesi non ha pagato e non pagherà nemmeno in futuro. Il mercato ha distribuito lauti guadagni e continuerà a distribuirli solo a chi è investito”.

Allora come proteggersi? Con la strategia il metodo e la disciplina.

Tutte le mie operazioni sono protette da stop sempre. Ma non sono stop posizionati solo per proteggere: sono stop che permettono di limitare le perdite e venendo alzati ogni giorno posso amplificare i profitti.

Temo un ribasso del mercato? Sicuramente sì, ma se avverrà in 24 ore tutte le mie posizioni saranno liquidate, e se poi la correzione sarà profonda sarò pronto e completamente liquido e libero di acquistare i titoli molto più in basso.

Il mercato è fatto di ondate, bisogna saper prendere il massimo quando il mercato da, e cercare di non perdere tutto quando il mercato prende.

E’ dalla differenza di queste due fasi che rimane il margine di profitto. Quindi con la mia strategia rimango sempre investito ma mai spaventato di quello che può accadere perché sono preparato a qualunque scenario.

Per verificare la qualità del mio lavoro vi consiglio di visitare la mia pagina statistiche.

Gli investitori stanno mostrando un prudenziale ottimismo sulla ripresa economica, specialmente negli Stati Uniti, dove la distribuzione dei vaccini sta per concludersi ed il presidente Joe Biden ha confermato che entro il 19 aprile tutti gli americani adulti saranno vaccinati.

Le previsioni della maggior parte degli economisti sono per un forte rimbalzo economico quest’anno. Ma proprio le aziende che stanno per beneficiare della riapertura dell’economia sono state tra i perdenti ieri.

Carnival ha perso il -5,30% e Royal Caribbean ha perso il -3,1%.

Invece, Nuance Communications è salita del 15,9% dopo che Microsoft ha comunicato che avrebbe acquistato la società di tecnologia vocale per circa 16 miliardi di dollari.

Le azioni di Alibaba sono salite del 9,3% dopo che il conglomerato cinese ha detto che avrebbe ristrutturato la sua affiliata finanziaria Ant Group per venire incontro alle pressanti preoccupazioni del governo cinese.

Wall Street aspetta i report sugli utili delle società questa settimana, in particolare quelli delle grandi banche. JPMorgan Chase e Wells Fargo li comunicheranno mercoledì, Bank of America e Citigroup giovedì.

Gli investitori si aspettano ottimi profitti per le grandi banche. La ragione è dovuta all’aumento dei tassi d’interesse e alla revisione dei bilanci con lo spostamento delle sofferenze dei prestiti erogati nelle prime settimane della pandemia di nuovo sul lato “buono” del libro contabile.

Queste comunicazioni sono da ritenersi non personalizzate, ma pensate scritte ed inviate ad un pubblico indistinto. L’esecuzione di investimenti, posti in essere dovranno essere fatti sotto la supervisione di un professionista di vostra fiducia iscritto all’apposito Albo, saranno quindi a vostro completo rischio, non assumendo l’autore alcuna responsabilità al riguardo. L’operatività descritta è proposta in maniera teorica e allo scopo formativo nei mercati finanziari ed è quindi esclusivamente divulgativo e non costituisce stimolo all’investimento e/o consulenza finanziaria.

Ho ideato Orso e Toro quotidiano di informazione online, con il quale offriamo tutti i giorni a clientela privata ed istituzioni (banche), notizie e la nostra opinione su titoli ed assets dal mondo della finanza. Siamo inoltre specializzati nell’analisi tecnica dei mercati azionari anche tramite il nostro canale Youtube.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE: